Elisoccorso no-stop, gli angeli del 118 in cielo H24: scatta il volo by night

Attivato il servizio notturno dell'eliambulanza, prime missioni dalla base di Fabriano. Il responsabile Germano Rocchi: «Traguardo fondamentale per accorciare i tempi dell'emergenza»

Foto di repertorio

Via al servizio di elisoccorso notturno. Da stasera l’elicottero del 118 si alzerà in volo dalla base di Fabriano anche dopo le 20. Il percorso, durato tre anni, è arrivato finalmente al termine.

Il servizio doveva scattare il 2 settembre, ma per problemi burocratici hanno richiesto più tempo le autorizzazioni dell’Enac per l’utilizzo di 7 piazzole adatte all’atterraggio notturno: Pesaro, Pergola, Mercatello sul Metauro, Cagli, Camerino, Macerata e San Severino, a cui si aggiungono la base di Fabriano e l’aeroporto di Falconara, utilizzato pro tempore dai due elicotteri del 118 in attesa che vengano completati i lavori di adeguamento dell’elisuperficie di Torrette, pronta a novembre. Altre piazzole verranno autorizzate nelle prossime settimane: da contratto dovranno essere 27 nel territorio regionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il servizio sarà curato dalla multinazionale Babckock: in base al contratto da 52,5 milioni per 7 anni, i visori notturni per i piloti dovranno essere distribuiti dall’azienda entro 90 giorni dall’attivazione del servizio che, dunque, solo da metà dicembre prevederà l’atterraggio in siti diversi dalle piazzole illuminate e autorizzate dall’Enac, come i campi sportivi. «Finalmente possiamo attivare l’elisoccorso notturno che, quando sarà a regime, farà delle Marche una regione ancor più sicura - commenta il dottor Germano Rocchi, responsabile del servizio -. Il volo notturno, consequenziale alla realizzazione del Trauma Center a Torrette, è fondamentale per accorciare i tempi dell’emergenza e raggiungere ogni località, anche le più impervie, al massimo in 25 minuti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento