Incentivi personale Covid Hospital: «Estenderli a tutto il personale impegnato nell’emergenza»

Anaao e Aaroi chiedono che gli incentivi per il personale in servizio al Covid Hospital di Civitanova Marche sia esteso a tutti gli operatori impegnati nell'emergenza

Foto di repertorio

«Anaao Assomed Marche e Aaroi ritengono congiuntamente che il percorso di incentivazione per il personale in servizio al Covid Hospital di Civitanova Marche debba essere esteso a tutto il personale impegnato nel fronteggiare l’emergenza pandemica negli ospedali marchigiani» Lo affermano entrambe le associazioni sindacali in una nota stampa. «Medici, Dirigenti Sanitari, Anestesisti e Rianimatori chiedono in primo luogo un impegno preciso per l’assunzione di personale a partire dalla stabilizzazione di quello che è già in servizio da anni e che attende l’assunzione e chiedono la tutela della salute degli operatori con l’applicazione del protocollo che prevede il monitoraggio dei colleghi che trattano pazienti Covid mediante il tampone. Inoltre chiedono che il personale sanitario impegnato nell’emergenza Covid riceva la stessa incentivazione indipendentemente dalla struttura nella quale presta servizio».

«Le sigle sindacali chiedono che vengano prioritariamente salvaguardate le esigenze di personale per le aziende di appartenenza- continua la nota- e che il personale medico abbia accesso all’attività aggiuntiva non solo per Covid, ma anche per garantire l’attività ordinaria non COVID. Anaao e Aaroi chiedono inoltre che tale accesso avvenga solo su base volontaria e che il sistema incentivante sia completamente finanziato da risorse regionali escludendo ogni ricorso a fondi contrattuali che dovranno essere destinati a finanziare l’attività ordinaria».
«La crescente curva epidemiologica – chiudono i segretari Mercante e Chiarello - sta mettendo sotto pressione gli ospedali marchigiani ed il suo personale. Già come nella scorsa primavera viene richiesto, ancora una volta, un impegno generoso dei medici che tuttavia chiediamo sia compiuto nella massima sicurezza e valorizzato come merita, tutelando tutti i malati, Covid o non Covid che siano».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Marche, arriva un assaggio d'inverno: maltempo, freddo e anche la neve

  • Scarpe Lidl, mania anche ad Ancona: scaffali svuotati in mezz'ora, maxi rivendite

  • Zona arancione, per Acquaroli non basta: «Presto ordinanza anti-assembramento»

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Parrucchieri ed estetiste fuori dal tuo Comune? Arriva lo stop dalla Prefettura

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

Torna su
AnconaToday è in caricamento