rotate-mobile
Attualità

Calcio e Covid, Draghi alla Figc: «Si valutino le porte chiuse negli stadi»

Il provvedimento potrebbe essere preso dal Governo e riguarderebbe anche la Serie C al momento ferma fino al 22-23 gennaio ’22

L’andamento epidemiologico, alimentato anche da alcune varianti come Omicron, ha già spinto la governance del calcio nazionale e regionale (esclusa Serie A e Serie B, con quest’ultima che ripartirà nel prossimo weekend) a fermare i campionati fino al weekend del 22-23 gennaio.

In aggiunta, nella giornata di ieri, il Premier Mario Draghi ha contattato il presidente della Figc Gabriele Gravina per richiedere di valutare il ritorno alle porte chiuse negli stadi (attualmente vige una capienza del 50% e l’obbligo delle mascherine Ffp2). Qualora in queste ore dovesse essere approvata la richiesta, che potrebbe ugualmente passare attraverso un provvedimento governativo nel prossimo Consiglio dei Ministri, anche la Serie C (dove militano Ancona, Vis Pesaro e Fermana) ne sarebbe interessata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio e Covid, Draghi alla Figc: «Si valutino le porte chiuse negli stadi»

AnconaToday è in caricamento