menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Conte

Giuseppe Conte

Zona rossa, spostamenti verso una sola casa nel proprio Comune fino al 15 gennaio

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto che copre i giorni tra la data di scadenza delle misure natalizie e quella dell'ultimo Dpcm

Da giovedì 7 a venerdì 15 gennaio nei territori inseriti nella cosiddetta "zona rossa" sarà consentito spostarsi "verso una sola abitazione privata del proprio comune", sempre rispettando il coprifuoco dalle 22 alle 5. Così riporta il comunicato stampa relativo al Consiglio dei ministri di questa notte, pubblicato sul sito del governo dopo l'ok al decreto legge che introduce nuove restrizioni dal 7 al 15 gennaio per far fronte alla pandemia di coronavirus e cambia i parametri che portano le regioni in zona gialla, arancione e rossa. 

Si tratta, come scrivono i colleghi di Today.it, di una versione corretta del comunicato pubblicato nella notte, che sugli spostamenti invece recitava: "Il testo conferma sino al 15 gennaio, nei territori inseriti nella cosiddetta "zona rossa", la possibilità, già prevista dal decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172, di spostarsi, una sola volta al giorno, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono".

Gli spostamenti verso una sola casa nel proprio comune fino al 15 gennaio

Cosa cambia? In sostanza, secondo il comunicato della notte era consentito spostarsi verso un'abitazione privata "nella propria regione". Ora bisogna limitarsi al proprio comune. Il testo definitivo del decreto non è stato ancora pubblicato sul sito del governo. Nel decreto si stabilisce che il weekend del 9-10 gennaio sarà "arancione" per tutta l'Italia, mentre negli altri giorni entrerà in vigore una fascia "gialla rafforzata" con lo stop agli spostamenti tra le regioni (anche quelle "gialle"). Resta ferma, per tutto il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio 2021, l'applicazione delle altre misure previste dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020 e dalle successive ordinanze.

Le nuove norme varranno fino all'arrivo di un nuovo decreto legge e/o di un nuovo Dpcm, previsto per la metà del mese. In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è disponibile una bozza del decreto legge 4 gennaio. Il testo del decreto legge stabilisce:

  • per il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio 2021 il divieto di spostarsi tra regioni o province autonome diverse su tutto il territorio nazionale tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di estrema urgenza e necessità o motivi di salute;
  • è comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma;
  • nei giorni 9 e 10 gennaio 2021 la norma stabilisce l'applicazione, su tutto il territorio nazionale, delle misure previste per la cosiddetta "zona arancione" (articolo 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020); 
  • saranno comunque consentiti, negli stessi giorni, gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

CONTINUA A LEGGERE SU TODAY.IT

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento