Rivedere i costi potrebbe non bastare: «Senza aiuti il mio bar sopravviverà pochi anni»

Iosilito Gioacchini è tra gli imprenditori che hanno aderito al comitato "Q+ Conero". Questa la sua ricetta per ripartire in sicurezza. Il titolare fa anche il punto sulle prospettive

Iosilito Gioacchini

Informazioni precise sul cosa fare, come e in che tempi. Anche per Iosilito Gioacchini, titolare del “Bar della piazza” di Osimo, la ripartenza dell’attività è legata alla chiarezza delle informazioni e a gli aiuti dalle istituzioni. E’ quello che chiede con la sua adesione al comitato “Q+ Conero”, ma sulla sopravvivenza dell’attività è chiaro: «Tener ferma una macchina come quel locale ha costi notevoli, per fortuna sono 20 anni che faccio questo lavoro in proprio e riesco a tenere botta ma abbiamo assoluta necessità di ripartire subito» spiega Gioacchini. Con l’accesso contingentato la quantità di prodotti serviti non potrà certo essere la stessa. Niente ressa al bancone, tavoli distanziati, meno caffè e meno pietanze in giornate senza turisti. Si rientra delle spese?: «E’ tutto da valutare, ma senza aiuti bisognerà rivedere i costi di gestione perché una quantità inferiore di prodotto venduto incide sul bilancio mensile e annuale- continua il titolare- andranno riviste tutte le spese senza però abbassare la qualità del prodotto. Rivedendo quelle sugli affitti, tasse e purtroppo anche sulla gestione e organizzazione del personale si può andare avanti non più di 3 o 4 anni». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gioacchini chiede l’aiuto delle istituzioni, ma anche delle associazioni di categoria: «Servono gruppi di acquisto che ci aiutino, con sconti e prezzi migliorativi, a comprare i dispositivi di sicurezza- spiega il titolare- dai comuni invece servono sconti o addirittura lo stop delle tasse come Tari, Tasi o Tosap». Non ultimo, informazioni chiare e concrete: «Siamo in balia delle incertezze, ci spieghino cosa dobbiamo fare, perché noi dobbiamo trasmetterlo ai collaboratori e ai clienti che dovranno potersi accomodare in un locale sano e igienicamente a posto». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento