menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Il grido d'aiuto di estetisti e parrucchieri: «Fatturati dimezzati e spese invariate, non reggiamo»

Il Presidente settore Benessere di Confartigianato Marche Daniele Zucchini: «Va tolto il divieto di spostamento fuori Comune, servono aiuti in base alle perdite subite»

Fatturato giù del 60-70%, costi fissi che corrono, incertezza e incognite pesano su centri estetici e saloni di acconciatura delle Marche. Gli operatori del beauty pur rimanendo aperti hanno visto il proprio giro d’affari precipitare. Il divieto degli spostamenti fuori dal proprio Comune per esigenze connesse ai servizi alla persona (tra cui anche recarsi dal proprio parrucchiere o estetista di fiducia) hanno avuto un impatto pesantissimo sulle aziende.

«In media, sottolinea il presidente di Confartigianato Benessere Daniele Zucchini, i nostri clienti provengono per il 70% da altri Comuni perché possono contare su un servizio personalizzato e su  un rapporto di fiducia consolidato nel tempo. Il volume di affari delle nostre imprese è calato drasticamente con gravi ripercussioni economico-finanziarie visto che non possiamo più fare affidamento sulla clientela abituale che non può più giungere da un comune diverso. Impedire questo tipo di spostamenti è ingiusto e irragionevole. Ed oltre al danno c’è la beffa: le nostre imprese sono escluse dai ristori perché “ sulla carta” possiamo rimanere aperti, ma con quali clienti?» Zucchini vuole quindi aprire agli spostamenti fuori Comune per raggiungere il parrucchiere di fiducia, l’estetista o il servizio alla persona. «Oggi - continua - nei saloni si accede un cliente alla volta solo su appuntamento, non c’è rischio di assembramento. Lavoriamo in totale sicurezza, applicando  le regole e i protocolli con la massima diligenza rispettando tutte le misure previste per offrire le migliori garanzie. Il rischio vero semmai è un altro, il dilagare dell’abusivismo: quello sì faciliterebbe la diffusione del virus, oltre ad essere strumento di evasione fiscale e di lavoro nero. Le nostre aziende sono un patrimonio imprenditoriali da salvaguardare, un patrimonio fatto di  sacrifici, impegno, dedizione, formazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento