Attualità

Marche, medici senza dispositivi di protezione: un aiuto grazie al "Cuore" di Enel

Un problema emerso fin dall'inizio dell'emergenza quello della mancanza dei dispositivi di protezione e sono tante le donazioni arrivati agli ospedali marchigiani, tra queste, ultima ma non meno importante, da parte di Enel

Il presidente Ceriscioli con i dirigenti dell'ospedale regionale di Torrette

Un problema emerso fin dall'inizio dell'emergenza quello della mancanza dei dispositivi di protezione e sono tante le donazioni arrivati agli ospedali marchigiani, tra queste, ultima ma non meno importante, da parte di Enel. Infatti Enel Cuore, la Onlus del Gruppo Enel, ha stanziato oltre 23 milioni di euro da devolvere ai principali ospedali di tutta Italia nella lotta contro il Coronavirus. Parte di quei fondi arriveranno anche nelle Marche, in particolare all'ospedale dorico, dove diversi reparti sono stati riconvertiti in degenze per pazienti Covid.

L'aiuto sarà destinato, oltre che agli ospedali, anche alla Protezione civile delle Marche. Si potranno così acquistare i dispositivi di protezione individuale e tutte le attrezzature necessarie non solo per l'ospedale regionale di Torrette, ma che anche l'ospedale Marche Nord a Pesaro e l'ospedale dei bambini Salesi di Ancona. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marche, medici senza dispositivi di protezione: un aiuto grazie al "Cuore" di Enel

AnconaToday è in caricamento