Sabato, 31 Luglio 2021
Attualità

“Io resto a casa”, quando si può uscire e cosa è vietato: il decreto in breve

Quando si può uscire, cosa si può fare e cosa va evitato per tutta la durata dell'emergenza sanitaria

Foto di repertorio

Le misure valide in tutta Italia per contenere l’epidemia di Coronavirus impongono delle severe restrizioni. Ecco quando si può uscire di casa, cosa si può fare e cosa va assolutamente evitato.

Igiene personale: il decalogo del ministero della salute

Cosa devi sapere 

Attività aperte 

-Ambulatori medici e laboratori analisi, ma solo telefonando per appuntamento

-Farmacie e parafarmacie anche nei centri commerciali 

-Supermercati e attività che vendono generi alimentari 

-Uffici pubblici, assistenza domiciliare e trasporti sociali 

-Consegne pasti a domicilio e pacchi (corrieri) 

-Mercati rionali e centri commerciali (con alcune limitazioni)

Attività sospese 

-Scuole, università, asili nido, musei, concorsi pubblici, biblioteche, cinema, teatri, manifestazioni pubbliche e private

-Eventi e competizioni sportive 

-Centri benessere, palestre, scuole di ballo, discoteche, pub, sale giochi e sale scommesse 

-Cerimonie civili e religiose compresi i funerali

Attività limitate 

-Negozi all’interno di centri commerciali chiusi il sabato e la domenica (farmacie e alimentari esclusi)

-Mercati rionali chiusi il sabato e la domenica

-Bar e ristoranti aperti dalle alle 18, è vietato il servizio al banco 

-Allenamenti sportivi: consentiti solo a porte chiuse per atleti tesserati professionisti

Cosa devi fare 

-Evitare di uscire di casa 

-Mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro dalle altre persone 

-Evitare contatti anche in casa se si hanno infezioni respiratorie (con febbre sopra i 37,5° chiama il medico) 

-Uscire di casa solo se veramente necessario (acquisto alimentari, comprovate esigenze lavorative e condizioni necessarie) 

-Puoi fare spesa e andare in farmacia, ma solo vicino casa

-Puoi andare a trovare genitori anziani e parenti da accudire (con le dovute precauzoni) 

-Puoi andare a lavorare se non puoi farlo da casa, ma devi essere un lavoratore dipendente o portare con te un’autocertificazione che comprovi la reale necessità di spostamento (DOWNLOAD)

-Puoi andare a fare una passeggiata, ma da solo e in luoghi poco affollati 

-Non puoi andare a cena da amici o andarli a trovare 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Io resto a casa”, quando si può uscire e cosa è vietato: il decreto in breve

AnconaToday è in caricamento