Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

Gli imprenditori della riviera fanno rete, nasce “Q+”: «Regione e Comune parlino con noi»

Il comitato riunisce gli imprenditori della riviera per chiedere aiuto e chiarezza alle istituzioni: «Vogliamo ripartire con consapevolezza e responsabilità»

I commercianti

Si chiama “Comitato Q + Conero ” dove “Q” vuole richiamare il concetto di “qualità”. Riunisce i commercianti della riviera del Conero e ha un obiettivo chiaro: fare squadra per sollecitare interventi economici che permettano loro di riaprire in sicurezza. Sicurezza per i clienti sì, ma anche per gli stessi dipendenti sia dal punto di vista sanitario che occupazionale. Il gruppo è in fase di costituzione e ad oggi conta 15 aderenti tra commercianti e ristoratori di Ancona, Sirolo, Porto Recanati, Osimo e Numana. A presentare la mission in una conferenza al ristorante Della Rosa di Sirolo sono stati il referente del comitato, avvocato Michele Carluccio (consulente legale insieme alla dottoressa Chiara Carioli), e il presidente Giorgio Tucci. Ultimate tutte le formalità, il comitato chiederà incontri ai rappresentanti politici della Regione e ai sindaci dei rispettivi comuni per chiedere aiuti in termini di detassazione e chiarezza normativa. Incontri coinvolgeranno anche le aziende del territorio specializzate in sanificazione e produzione di dispositivi di protezione con l’obiettivo di ottenere linee guida sui prodotti più affidabili da acquistare ed eventualmente aprire canali di fornitura. 

«Vogliamo alzare l’attenzione sul fatto che il commercio vuole riaprire con responsabilità e consapevolezza- ha detto Carluccio- al primo posto delle nostre attenzioni c’è la sicurezza di clienti e professionisti, ma vogliamo anche salvaguardare i commercianti da un’eventuale attività speculativa sulla compravendita di dispositivi di protezione. In pratica chiediamo la diffusione di informazioni su quali sono i prodotti veramente utili per ripartire in sicurezza». Il tutto passa per il dialogo con le istituzioni: «Chiederemo incontri con l’assessorato al turismo della Regione e con i sindaci dei vari comuni, che diano un segnale economico concreto e non parlino solo di iniziative generiche. Sappiamo che ci sono vincoli di bilancio- prosegue Carluccio- ma siamo anche sicuri che esistono margini per aiutare le attività che hanno valorizzato questa riviera».  «Da soli avremmo avuto poca rilevanza- spiega Tucci- davanti a incertezze normative sulla sicurezza e sulla sanità ci troviamo spiazzati. Il comitato ci consente di avere più attenzione, di fatto è sempre esistito dietro le quinte ma ora occorre uscire fuori perché la necessità è davvero alta». Il gruppo è aperto e per l’iscrizione basterà compilare un format sulla pagina Facebook “Comitato Conero Q+”: «Potrà  iscriversi chiunque lavori nel commercio a contatto con il pubblico, il gruppo è in evoluzione e non ci sono limiti territoriali né di obiettivi- spiega Carluccio- », prevede una quota di tesseramento non ancora definita. 
 

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli imprenditori della riviera fanno rete, nasce “Q+”: «Regione e Comune parlino con noi»

AnconaToday è in caricamento