Crisi Covid nell'artigianato, Cantori: «Non sappiamo quanto resisteranno le imprese»

Il segretario della Cna di Zona Sud di Ancona ha elaborato i dati sull’Fsba, il fondo di solidarietà bilaterale: «La febbre resta alta»

Andrea Cantori, segretario Cna Zona Sud di Ancona

I dati sull’Fsba (Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato), cioè l’ammortizzatore sociale che viene attivato per sospendere i dipendenti delle attività artigiane in assenza di lavoro (la “cassa integrazione dell’artigianato”) testimonia una lenta discesa, ma da una situazione che si è rivelata drammatica fin dall’inizio. Questo mette in luce l’analisi fatta dalla Cna di Zona Sud sui dati di giugno e luglio su un campione di imprese della zona. Il campione preso a riferimento riguarda l’area di Castelfidardo, Osimo, Loreto, Offagna, Numana e Sirolo: 60 le imprese censite per un totale di 261 dipendenti. Nel mese di giugno le imprese che hanno richiesto l’Fsba sono pari a 28 con un totale di 159 dipendenti. In pratica il 46% delle imprese del campione hanno richiesto questo ammortizzatore. Più elevato il dato percentuale dei dipendenti: il 61% dei dipendenti nel mese di giugno era in Fsba. In totale i giorni di Fsba richiesti sono stati pari a 1469, mentre le ore ammontavano a 9721,75.

A luglio la situazione è migliorata: 22 le imprese che hanno richiesto l’Fsba, cioè il 36% del campione. Queste 22 imprese hanno sospeso in totale 118 dipendenti, il 45% del campione. I giorni di sospensione nel mese di luglio erano quindi scesi a 1244 e le ore si attestavano a 8176. Rispetto quindi al mese precedente si registrava un -10% di imprese che hanno avuto accesso all’Fsba e con una diminuzione dei dipendenti sospesi pari a -16%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In partenza nel settore dell’artigianato la “febbre da Covid” era molto alta – commenta Andrea Cantori, segretario della Cna di Zona Sud di Ancona –. Si partiva a giugno, dopo un mese dalla ripartenza, da quasi la metà delle imprese che avevano richiesto l’Fsba per un numero di dipendenti che superava il 60%. A luglio, nonostante una discesa nelle richieste da parte delle imprese artigiane, ancora più di un terzo necessitava di ammortizzatori per un numero di dipendenti pari al 45% del campione che abbiamo preso a riferimento – conclude Cantori – La febbre è ancora alta e non sappiamo quanto tempo ancora il “corpo” delle nostre imprese artigiane riuscirà a resistere. Occorrono gli antibiotici del caso che si chiamano “investimenti pubblici”, possibilmente in piccoli appalti da somministrare rapidamente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Elezioni regionali Marche, bordata della Mancinelli che boccia Mangialardi

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento