Asta anti-Covid di Paolino, consegnate le maglie dei calciatori ai vincitori

L'iniziativa di Giampaoli, paziente-1 di Ancona, ha permesso di raccogliere 3300 euro da donare al reparto di Malattie Infettive di Torrette

La cerimonia di consegna delle maglie a Torrette (foto di Demis Morici)

ANCONA - La più quotata è stata, manco a dirlo, quella di Cristiano Ronaldo, donata dal farmacista Vincenzo Felici e venduta ad uno spagnolo per 750 euro. Ma anche le altre maglie di calciatori più o meno famosi sono state molto richieste e sono andate a tanti anconetani, ma anche a vincitori che risiedono in Lombardia, in Puglia, perfino in Spagna e in Bulgaria. E’ stata un successo l’asta benefica di casacche da gioco ideata da Paolino Giampaoli, che ha voluto ringraziare così i medici, gli infermieri e gli Oss dell’ospedale di Torrette che si sono presi cura di lui, primo paziente ad Ancona infettato dal Coronavirus, salvandogli la vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ringraziamento del sindaco Valeria Mancinelli - IL VIDEO

L’atto finale si è tenuto questa mattina all’ospedale regionale, con la consegna delle maglie ai vincitori dell’asta intitolata “Paolino, una maglia per il Covid”, il cui ricavato (3.300 euro) è stato devoluto al reparto di Malattie Infettive di Torrette. Tutti i vincitori sono stati invitati alla cerimonia che si è tenuta sulla scalinata del vecchio ingresso dell’ospedale, a debita distanza e con le dovute precauzioni, accolti dal direttore generale degli Ospedali Riuniti, Michele Caporossi, e dal direttore delle Malattie Infettive, professor Marcello Tavio, accompagnato da tutto il suo staff medico. Dopo il saluto del d.g., che ha voluto ancora ringraziare Paolino Giampaoli per questa meravigliosa iniziativa e per essere stato un paziente-modello per la sua grande collaborazione durante la degenza e successivamente, ribadendo la sua nomina a testimonial ufficiale degli Ospedali Riuniti, lo stesso Paolino, commosso, si è detto grato a tutto il reparto di Malattie Infettive: «Per 15 giorni sono stati la mia famiglia e rivederli oggi senza “scafandri” è una grande gioia», ha detto. Doveva essere presente anche il sindaco Valeria Mancinelli, ma per impegni non è potuta intervenire: ha comunque fatto pervenire un videomessaggio, scusandosi e complimentatosi per l’iniziativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denti ingialliti, come risolvere il problema rapidamente e senza igienista

  • Abusi sessuali su un'alunna, maestro allontanato dalla scuola: la verità nei suoi diari

  • Schianto con il camper, Luca non ce l'ha fatta: è morto dopo 5 giorni di agonia

  • Dagli show al semaforo, al grattino da 300mila euro: la sliding door di Tiziano

  • Meteo, l'autunno irrompe sulle Marche: in arrivo temporali e crollano le temperature

  • Sconfitta dal Marina alla prima di campionato, l'Anconitana è già una delusione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento