Attualità

Tre comuni marchigiani tornano in zona gialla

Montellabate, Vallefoglia e Cerreto d'Esi oggi sono tornati in fascia gialla dopo che lo scorso 28 aprile erano stati dichiarati "arancioni rafforzati". Non sono mancati gli inviti alla prudenza e al rispetto delle regole da parte dei sindaci

David Grillini, sindaco di Cerreto d'Esi

Montelabbate, Vallefoglia e Cerreto d'Esi da oggi, 5 maggio, tornano in zona gialla (insieme a tutti gli altri Comuni marchigiani) dopo che erano stati inseriti in zona arancione rafforzata lo scorso 28 aprile perché avevano superato l'incidenza di 250 casi positivi ogni 100mila abitanti. L'ordinanza regionale, scaduta martedì sera alle 24, nei tre Comuni (due del pesarese ed uno dell'anconetano) prevedeva le regole della zona arancione ed inoltre che gli spostamenti, all'interno e all'esterno del territorio comunale, fossero consentiti solo per motivi di salute, studio, lavoro e necessità.

«Finalmente gialli- scrive in un post su Facebook il sindaco di Cerreto d'Esi, David Grillini- i dati riferiti alla settimana appena conclusa vedono Cerreto d'Esi attestarsi al di sotto della soglia di incidenza di 250. Dunque Cerreto d'Esi si uniformerà al resto delle Marche, entrando perciò in zona gialla. Con l'entrata in zona gialla, non dobbiamo assolutamente vanificare tutti i sacrifici fatti finora. L'uscita dalla zona arancione rafforzata non può e non deve essere una sorta di tana liberi tutti». Ulteriori misure restrittive dalla Regione a carico dei Comuni potranno eventualmente essere decise lunedì prossimo, qualora alla valutazione dei dati settimanali lo ritenesse necessario. «Da mezzanotte siamo diventati gialli- ha spiegato alla Dire il primo cittadino di Vallefoglia, Palmiro Ucchielli- invito in ogni caso i cittadini a rispettare le norme di sicurezza anti Covid, sul distanziamento e utilizzo mascherina».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre comuni marchigiani tornano in zona gialla

AnconaToday è in caricamento