Attualità Posatora

Posabar, la vecchia gestione: «Ci danno già “ex” ma combatteremo»

Attraverso i social la famiglia Ramazzotti, titolare fino ad oggi del Posabar, ha annunciato la nuova partecipazione al bando di gestione per il chiosco nel parco di Posatora

Il Posabar, foto tratta dalla pagina Facebook "Posa Bar"

La notizia degli ultimi giorni circa il bando per la nuova gestione triennale del chiosco nel parco Belvedere di Posatora – che in questi anni, per tutti, è diventato il Posabar – ha fatto il giro della città soprattutto attraverso i social. La famiglia Ramazzotti, titolare della vecchia gestione, attraverso un post su Facebook ha annunciato la propria “nuova” partecipazione al bando ringraziando tutti i clienti per l’affetto mostrato:

“Salve a tutti posabariani. Questo messaggio è rivolto a tutti i nostri amici, sostenitori e compagni d'estate. A seguito degli articoli usciti che ci danno già come ex PosaBar volevamo far sentire la nostra voce e dirvi che siamo vivi e vegeti e che combatteremo con le unghie e con i denti per il nostro, ma soprattutto VOSTRO PosaBar. Chiudiamo con un enorme ringraziamento a tutti voi per l'affetto e il supporto che ci date, siete la nostra forza”.

La struttura da 19mq dovrà rispettare delle regole tassative come la cessazione di tutte le attività entro la mezzanotte fatta eccezione nei prefestivi dove l’orario di chiusura potrà essere protratto fino all’una. Si dovrà, inoltre, utilizzare moderatamente l’amplificazione acustica così come rispettare la chiusura dalla seconda metà di settembre alla prima metà di aprile. Tutte le informazioni sono presenti sul sito del Comune di Ancona e le domande dovranno pervenire entro le 12 del 28 maggio. L’obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di sfruttare la funzione aggregativa del parco attraverso il suo punto di riferimento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Posabar, la vecchia gestione: «Ci danno già “ex” ma combatteremo»

AnconaToday è in caricamento