rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità Falconara Marittima

Chiesa di S. Maria della Misericordia, il comune di Falconara rilancia il restauro con l'Art Bonus

Aziende, banche, ma anche associazioni, artisti e singoli cittadini stanno contribuendo a finanziare i lavori. Al momento grazie a 23 donazioni sono stati raccolti 17.400 euro, ma ne servono altrettanti per raggiungere il budget necessario

FALCONARA MARITTIMA – Aziende, banche, ma anche associazioni, artisti e singoli cittadini stanno contribuendo al restauro della chiesa di Santa Maria della Misericordia, che si può finanziare attraverso l’Art Bonus. L’Art Bonus prevede detrazioni fiscali molto vantaggiose, tanto per le aziende quanto per i singoli cittadini: chi dona può recuperare, l’anno successivo, il 65 per cento di quanto versato attraverso la restituzione delle tasse già versate. Se per esempio un privato dona 100 euro nel 2024, potrà recuperarne 65 l’anno successivo.

Al momento grazie a 23 donazioni sono stati raccolti 17.400 euro, ma ne servono altrettanti per raggiungere il budget necessario. Le donazioni possono essere fatte in qualsiasi momento dell’anno. L’intervento che il Comune di Falconara intende realizzare, del costo appunto di oltre 34mila euro, è il restauro del pannello di affreschi di San Sebastiano e San Girolamo, realizzati, come gli altri affreschi, da Giambono di Corrado da Ragusa e dalla sua bottega nella seconda metà del 1400. Il restauro prevede una prima campagna diagnostica, la rimozione del pannello dalla sede attuale, la pulitura delle superfici e la ricostruzione pittorica delle abrasioni e delle lacune. É poi previsto il riposizionamento del pannello e l’installazione di un impianto di deumidificazione.

La chiesa di Santa Maria della Misericordia è un luogo del cuore per Castelferretti. Venne edifica agli inizi del XV secolo ad opera della famiglia dei Conti Ferretti, proprietari del Feudo, a seguito di una epidemia di peste. Si trova all’interno del cimitero di Castelferretti. Subì alcune modifiche nel 1610, quando la navata venne allungata e sopraelevata e furono realizzate le sei finestre. In quell’occasione gli affreschi vennero totalmente intonacati e ritornarono visibili solo agli inizi del Novecento. Nel 1916 l’edificio è stato iscritto nell’elenco degli edifici monumentali per la provincia di Ancona.

Dall'assessore alla Cultura Marco Giacanella arriva un invito a sostenere il restauro. «La chiesa è un posto del cuore per i castelfrettesi e per tutti i falconaresi. Infatti sono stati tanti i cittadini anche non residenti a Castelferretti che hanno dato il loro contributo. Il mio appello va a tutti coloro che hanno a cuore l’arte e vorrebbero vedere preservato questo tesoro storico: si può donare in qualsiasi momento dell'anno, con grandi vantaggi fiscali, per far tornare a splendere la chiesa di Santa Maria della Misericordia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesa di S. Maria della Misericordia, il comune di Falconara rilancia il restauro con l'Art Bonus

AnconaToday è in caricamento