rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

Il Centro “de Bosis” all’insegna del sociale: «Non fateci chiudere, siamo importanti»

Il Centro giovanile degli Archi, in prima linea nella raccolta cibo e beni di prima necessità in vista del Natale, rischia la chiusura

Aiuto, solidarietà e attenzione per il territorio. Il Centro giovanile degli Archi “De Bosis” (gestito dalla Cooss Marche ma del Comune di Ancona), da anni, rappresenta una vera e propria istituzione cittadina. E mentre ci si sta preparando al Natale, con la tradizionale raccolta di cibo e beni di prima necessità in favore delle famiglie meno abbienti, il rischio di una chiusura anticipata rappresenta un fantasma difficile da gestire:

«L’iniziativa natalizia si è sviluppata l’anno scorso grazie anche alla mia collaboratrice Giulia Ausili – ha spiegato Mattia Polenti, uno degli operatori del Centro – Abbiamo contattato lo Spazio Comune Hèval, l’Ancona Respect e la raccolta sta procedendo a gonfie vele. Anzi, vestiti ne abbiamo tantissimi quello che magari sarebbe opportuno donare sono cibo e materiale per l’igiene. Al momento la necessità può essere questa».

Si lavora a tamburo battente, con la paura che tutto possa fermarsi da un momento all’altro: «Entro il 31 dicembre il centro dovrebbe chiudere per lavori e riaprirà una volta terminati. Pensate che a collaborare con noi per la raccolta c’è anche il Centro estivo Montessori dei responsabili Claudia Ausili e Sabrina Ceselli. Facciamo del sociale, viviamo di solidarietà verso il prossimo, non fateci chiudere. Se dovessimo farlo, con la struttura chiusa, resterebbe un operatore senza riferimento e con orario ridotto. Non sarebbe di certo una buona cosa per tutte le nostre attività, tra cui ovviamente la raccolta di Natale».  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Centro “de Bosis” all’insegna del sociale: «Non fateci chiudere, siamo importanti»

AnconaToday è in caricamento