rotate-mobile
Attualità

Caso Beccaglia, bufera sul post dell'assessore, AiC: «Vergognoso, minimizza l'argomento»

Duro attacco di Loretta Boni, Portavoce Altra Idea di Città contro l'assessore Michele Polenta che in un post commenta il caso della giornalista palpeggiata dal tifoso Andrea Serrani

Il post di Michele Polenta,  assessore all’Ambiente del Comune di Ancona, pubblicato sul suo profilo solleva polemiche. L’assessore ha condiviso un post che riguarda Greta Beccaglia, palpeggiata fuori dallo stadio dal tifoso Andrea Serrani. Nell'immagine ricondivisa si vede la giornalista abbracciata da Luciano Moggi e sopra la scritta: «Dipende dalla mano e dalla situazione». L'assessore aggiunge: «Nella vita si possono compiere delle azioni di cui poi ti penti, il problema è se ti capita di farlo con persone che non accettano le scuse esclusivamente per propria opportunità».

Immediato l’attacco di Loretta Boni, Portavoce Altra Idea di Città che in una nota scrive: «Minimizza quanto è successo alla giornalista Greta Beccaglia, che è stata molestata sessualmente in diretta TV mentre faceva il suo lavoro. Lo fa condividendo un altro post che ridicolizza la giornalista perché avrebbe già accettato in precedenza altri di questi “gesti”. Su quanto accaduto alla giornalista davvero se ne sono dette e lette di tutti i colori che ripropongono i clichè di sempre: è solo una goliardata..è una bella donna che si mostra e dunque può capitare ecc ecc. Addirittura nel post l’Assessore del Comune di Ancona Polenta rimprovera la giornalista di non aver accettato le scuse del povero tifoso».

Prosegue AiC: «Le donne e le femministe lo sanno, dentro un sistema patriarcale il nostro paese ha un grave problema culturale che scivola sempre più in basso. Non ci troviamo di fronte soltanto a un gesto stupido, goliardico o di minor conto. Proprio no. Ma questo l’Assessore Polenta proprio non lo capisce. Il 70% delle donne ha subìto discriminazioni sul lavoro e quasi il 50% (una su due) è stata oggetto di violenza, molestie o forme di controllo da parte del marito, del compagno o della famiglia. Il 63% delle donne che subiscono molestie o violenze non denuncia neppure l’accaduto, per sfiducia nelle istituzioni e nel sistema della giustizia. Il 25 novembre giornata mondiale contro la violenza maschile appena celebrata, le donne hanno manifestato per denunciare uno stato di cose che sembra non mutare, anzi. L’assessore Polenta rifrulla l’argomento. Lo scritto è vergognoso e ci sentiamo di stigmatizzarlo perché le istituzioni dovrebbero per prime emarginare pensieri di questo tipo gravi sul piano culturale e ancora più gravi perchè affermato da chi co-governa una città, un comune, una comunità. Proprio non ci basta una panchina rossa davanti al Palazzo del Popolo in piazza 24 maggio». 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Beccaglia, bufera sul post dell'assessore, AiC: «Vergognoso, minimizza l'argomento»

AnconaToday è in caricamento