Una sala giochi in memoria di Riccardo: inaugurata in Cardiochirurgia pediatrica

E' stata realizzata a Torrette grazie alle donazioni della famiglia e degli amici del ragazzo che avrebbe compiuto 22 anni

Il taglio del nastro della sala giochi intitolata a Riccardo Piconi

«Le cicatrici sono il segno che è stata dura, il sorriso il segno che ce l’hai fatta»

Queste parole erano il motto di Riccardo Piconi, un ragazzo davvero speciale che la sua famiglia ha voluto ricordare pensando al benessere di tutti i piccoli e grandi cuori birichini del Centro di Cardiochirurgia Pediatrica e congenita di Ancona. Ieri (24 giugno) sono stati inaugurati i mobili e i giochi donati dalla sua famiglia e dai suoi amici. La coincidenza ha voluto che questa festa sia avvenuta nel giorno del compleanno di Riccardo, che avrebbe compiuto 22 anni. «I bambini ricoverati grazie alla famiglia di Riccardo potranno avere uno spazio adeguato alle loro esigenze. Sono stati donati mattonelle di gioco per le varie fasce di età. Questi giochi hanno notevoli benefici, sono divertenti, stimolano i bambini da un punto di vista cognitivo e sono facilmente pulibili e mai in disordine», sostiene la presidente del Comitato Genitori Bambini Cardiopatici, Valentina Felici. Sono stati inoltre donati scaffali per tenere in ordine il materiale presente in sala giochi, una libreria e un tavolo con sedie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Con la responsabile dei progetti, la dottoressa Annalisa Cannarozzo e con Roberta, la mamma di Riccardo, abbiamo studiato quali mobili e quali giochi fossero più adatti per i bambini ricoverati e per sfruttare al massimo lo spazio a disposizione - continua Valentina - e terminata la necessaria trafila burocratica di accettazione dei mobili, siamo qui per inaugurare questa sala giochi. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno donato in memoria di questo ragazzo che non ho avuto la fortuna di conoscere ma che tutti i medici del reparto descrivono come un speciale e positivo: questo lo capisco dalla passione e dalla generosità dimostrata con questo gesto dalla famiglia.  Anche il primario del reparto, il professor Marco Pozzi, è felice di questo dono e che le parole di Riccardo iscritte in una bella targa possano sostenere le famiglie dei cuori birichini». Ha benedetto la nuova sala giochi don Giancarlo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Raffica di esplosioni, poi le fiamme altissime: maxi incendio nel porto di Ancona

  • Incendio al porto di Ancona, quella nube era tossica: ora c'è un'indagine della Procura

  • Incendio porto, in città non si respira: Comune chiude scuole e parchi

  • «Non c'erano sostanze tossiche», ma la Mancinelli non si fida e corre ai ripari

  • Notte d'inferno al porto, la lunga lotta contro l'incendio che ha devastato l'ex Tubimar

  • La sindaca riapre le scuole, ma il Savoia-Benincasa non ci sta: «Noi restiamo chiusi»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AnconaToday è in caricamento