rotate-mobile
Venerdì, 1 Luglio 2022
Attualità

Caro bollette, le associazioni sportive in difficoltà: «Serve l’aiuto del Comune»

Diego Franzoni, presidente dell’ASD Giovane Ancona, ha parlato del tema rincari suggerendo una possibile soluzione

ANCONA- Il caro bollette, e più in generale tutta la situazione dei rincari, sta mettendo a dura prova i cittadini e tra le varie categorie quella dei gestori di impianti sportivi. Diego Franzoni, presidente dell’ASD Giovane Ancona (società che da anni gestisce il centro sportivo dell’Aspio), ha fatto il punto della situazione riportando la propria esperienza:

«Fortunatamente stiamo sfruttando una convenzione precedente che non prevedeva il pagamento delle utenze a carico delle società ma da come sento in giro le associazioni sportive sono in ginocchio per via di questi rincari. Dobbiamo considerare che si viene già da una situazione delicata post-Covid se andiamo ad aggiungerci queste altre problematiche il contesto diventa veramente complicato».

Poi, proseguendo nella disamina, arriva una possibile soluzione: «Bisognerebbe cercare di dividere al 50% i consumi tra le associazioni che gestiscono gli impianti e il Comune. Così facendo i costi non graverebbero oltremodo sulle spalle di entrambi e si potrebbe attuare una politica di gestione. Ricordo che in passato se ne parlò molto a riguardo…».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro bollette, le associazioni sportive in difficoltà: «Serve l’aiuto del Comune»

AnconaToday è in caricamento