rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Attualità

Bilancio e piano opere pubbliche approvati: investimenti per 40 milioni

Il Comune di Falconara ha approvato in modo deciso la documentazione confermando il blocco delle tariffe e maggiori agevolazioni

Investimenti per 40milioni di euro nel triennio 2022-2024, maggiori agevolazioni per il pagamento della Tari, tariffe bloccate anche per i servizi a domanda individuale. Sono gli elementi che caratterizzano il bilancio di previsione 2022 e il piano delle opere pubbliche 2022-2024, approvati dal Consiglio comunale nella serata di ieri, lunedì 27 dicembre. Al centro del bilancio ci sono gli investimenti, già finanziati per oltre metà dell’importo grazie ai bandi vinti, i finanziamenti ottenuti e le risorse proprie del Comune di Falconara per il recupero delle periferie (7,5 milioni dallo Stato), per l’edilizia scolastica (oltre ai fondi ottenuti nel 2021, ci sono 2,4 milioni di risorse comunali da spendere nel 2022), per la riqualificazione dell’area attorno all’aeroporto (2,8 milioni dalla Regione), per le opere viarie e ambientali connesse al bypass (3 milioni da Rfi), solo per citare alcune opere.

Inoltre è stato incrementato di 10mila euro il fondo per concedere agevolazioni sulla Tari, che ammonta complessivamente a 130mila euro. In particolare per le famiglie è stato incrementato il reddito Isee per accedere alla riduzione del 50 per cento: dal 2022 potranno beneficiarne i nuclei con un reddito Isee di 14 mila euro (contro gli 11.839 previsti l’estate scorsa). Al momento non sono previste entrate straordinarie per trasferimenti dallo Stato.

Quanto al piano delle alienazioni, restano in vendita gli immobili già proposti gli scorsi anni e rimasti invenduti. L’inserimento nel piano del Mercato Coperto deriva dalla necessità di avviare un percorso di valorizzazione: il Comune intende esplorare la disponibilità dei privati a presentare project financing per rilanciare la storica struttura di via Bixio e per farlo è prevista una procedura specifica, che prevede l’inserimento dell’immobile tra quelli disponibili. Questo permetterà di avviare un percorso per raggiungere un obiettivo programmato da anni. «I prossimi anni saranno caratterizzati dalla spesa per investimenti che consentirà di riqualificare parti importanti della Città – riferisce il vicesindaco Raimondo Mondaini, con delega al Bilancio –  mentre sul fronte della spesa corrente cercheremo di non intaccare il livello dei servizi, pur in presenza delle gravi incertezze legate al protrarsi delle misure emergenziali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio e piano opere pubbliche approvati: investimenti per 40 milioni

AnconaToday è in caricamento