Attualità Falconara Marittima

La Bcc offre un contributo al centro vaccinale: «Segno di vicinanza alla popolazione»

Il sostegno della Bcc di Ancona e Falconara Marittima è stato annunciato lunedì 23 agosto in una conferenza stampa. Presente anche il sindaco Signorini

Il sindaco Stefania Signorini oggi all'incontro con i rappresentanti della Bcc di Ancona e Falconara

La Bcc di Ancona e Falconara sostiene il Centro Sociale Giacomo Leopardi durante l'incontro di chiusura del centro vaccinale comunale, allestito nello stesso Circolo di via Stadio. «Il contributo - si legge nella nota - è un segno di vicinanza al territorio e a tutti i volontari che, per quattro mesi,  si sono impegnati al servizio della comunità. Saranno i volontari, circa 140, a ritrovarsi nella serata del 3 settembre proprio nei locali del centro sociale Leopardi, gli stessi dove sono state vaccinate, tra il 12 aprile e il 7 agosto, circa 8500 persone». 

All'incontro sono stati invitati gli infermieri capitanati da Franca Pulita, i volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile, il Gruppo Amici per lo Sport, l'Anteas e Croce Gialla di Falconara, i rappresentanti del centro sociale Leopardi che ha messo a disposizione la struttura e le risorse umane, oltre a tutti gli imprenditori che in questi mesi hanno donato materiale di consumo necessario alle vaccinazioni.

Il sostegno della Bcc di Ancona e Falconara Marittima è stato annunciato nella mattinata di oggi, lunedì 23 agosto, in una conferenza stampa cui hanno preso parte il sindaco Stefania Signorini, il presidente del Gruppo Amici per lo Sport Tarcisio Pacetti insieme ai volontari Marco Menotti e Maurizio Andreoni, oltre ad Andrea Belardinelli segretario del centro sociale Leopardi. E' intervenuto telefonicamente l'avvocato Sergio Cugini, presidente del consiglio di amministrazione della banca. «L'attivazione del centro vaccinale comunale di prossimità ha rappresentato un impegno importantissimo a livello di energie e di risorse organizzative - ha detto il sindaco Stefania Signorini - cominciato con l'individuazione della struttura e proseguito con il confronto con l'Asur e con i medici di famiglia, che avevano bisogno di un presidio durante le vaccinazioni in modo da coprire ogni emergenza. Il nostro sforzo è stato ripagato dal numero altissimo di vaccinati tra i residenti di Falconara, che è la prima città della provincia di Ancona con il 65 per cento di popolazione che ha ricevuto almeno una dose. Anche la partecipazione della comunità all'organizzazione del centro è stato motivo di grande orgoglio, così come i ringraziamenti di tanti cittadini».

«Il sindaco Signorini è riuscita a farci stare insieme - ha aggiunto Tarcisio Pacetti - e l'idea di ritrovarci il 3 settembre risponde al desiderio di ringraziare tutti coloro che hanno partecipato a questa attività. La Banca di Credito Cooperativo ha voluto esserci accanto in quanto Banca del Territorio». «Un territorio che non è fatto di numeri - ha affermato Andrea Belardinelli del centro sociale Leopardi - ma di persone».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Bcc offre un contributo al centro vaccinale: «Segno di vicinanza alla popolazione»

AnconaToday è in caricamento