La sala d'attesa diventa più dolce: Il Salesi ha di nuovo il suo bar

Il taglio del nastro è stato effettuato questa mattina dal direttore generale dell'Azienda Ospedali Riuniti di Ancona Michele Caporossi e i rappresentanti del Comune

Il bar del Salesi

Ciao ciao macchinette snack, anche se restano là dove sono. Al Salesi torna il bar e non si tratta di un piccolo chiosco, ma un di bancone vero con esposizione di paste, merendine e la possibilità di servire caffè, cappuccini e bevande grazie al personale operativo dalle 7 alle 19 con orario continuato. Si trova al piano terra, di fronte alla cassa ticket e all’inizio del corridoio che porta al pronto soccorso. Impossibile non trovarlo. E’ attivo dal 22 luglio dopo poco più di un mese di lavori, nel pieno rispetto del cronoprogramma e dopo un contenzioso amministrativo iniziato nell’aprile del 2018. 

La vicenda giudiziaria e l’inaugurazione

Il 20 aprile dell’anno scorso infatti la ditta rimasta fuori dalla gara presentò ricorso al Tar, la vicenda finì poi al Consiglio di Stato e il contratto con la ditta aggiudicataria “Serenissima” fu stipulato solo lo scorso gennaio. Il taglio del nastro è avvenuto oggi con il Direttore Generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona Michele Caporossi, il direttore amministrativo Antonello Maraldo, l’architetto Sergio Cordiali, l’assessore alle Politiche Educative del Comune Tiziana Borini e il Presidente del Consiglio Comunale Susanna Dini. Con l’occasione è stato anche tolto il velo dal quadro regalato al ospedale dall’artista newyorkese Mark Kostabi, dal titolo “L’Angelo del Salesi”. Il bar è gestito in concessione dalla ditta "Serenissima", che si è occupata anche della costruzione e dell’ onere dei lavori. In pratica è un servizio a costo zero per l’Azienda Ospedali Riuniti. Il contratto quinquennale stima un incasso di circa 1milione e 800 mila euro: «Il nuovo Salesi speriamo arrivi prima- ha detto Caporossi- in quel caso i rapporti verranno regolati in altro modo». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Avanza il vecchio, in attesa del nuovo

Il bar del pediatrico è un servizio, ma anche un segnale secondo l’amministrazione ospedaliera: «Un ospedale così grande e importante, con tanta gente che viene da fuori, aveva bisogno di questo servizio e siamo riusciti a fare presto e bene». Il dg ha anche annunciato novità dopo l'estate per quanto riguarda il bar-edicola di Torrette. A Caporossi fa eco il direttore medico del Salesi, Ascanio Martino: «Oltre al bar l’attuale amministrazione ha riavviato i lavori per il nuovo pediatrico e riattivato la oncoematologia pediatrica. Bene così, non si può bloccare tutto in attesa del nuovo- ha detto il medico-  deve vivere anche il “vecchio”». E proprio il nuovo Salesi è stato uno degli argomenti della mattinata. Come sta procedendo il cantiere di Torrette?: «Sta andando avanti ed è nei tempi del cronoprogramma, stiamo finendo la bonifica degli ordigni bellici (la verifica di possibile presenza di bombe di guerra è una procedura di prassi) – ha spiegato Caporossi- poi si partirà con la realizzazione della nuova camera mortuaria che prevediamo di inaugurare nel gennaio 2020. Quella attuale sarà demolita e gli uffici verranno riallocati in strutture in affitto, per le quali stiamo provvedendo con le procedure di gara». La Borini è intervenuta in rappresentanza del Comune: «Quello di oggi è un segnale importante per dire quanto teniamo a questo ospedale, che è sempre stato l’ospedaletto dei bambini nel cuore di tutti gli anconetani». Susanna Dini ha parlato da utente: «Ho due bambini, l’altra mattina ero qui. Come molte altre mamme qui mi sono sempre trovata bene e il bar è qualcosa di più». L’architetto Sergio Cordiali ha fatto notare la non scontata scelta degli spazi. Il bar sorge infatti tra la cassa ticket, il pronto soccorso e il cortile d’ingresso. Oggi però è finalmente realtà: «Quando facciamo una promessa la manteniamo – ha concluso Antonello Maraldo- nei tempi che permette un iter giudiziario così complesso». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Parcheggia lo scooter e si lancia sotto il treno: tragedia sui binari

  • Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

Torna su
AnconaToday è in caricamento