Restyling del Dorico, pubblicato il bando: è derby tra Marconi e Schiavoni per la gestione

All'assegnazione triennale ambiscono sia il presidente dell'Anconitana sia la Giovane Ancona, la scuola calcio dell'ex patron

Lavori in corso allo stadio Dorico

Via libera al bando per la gestione del Dorico. Il Comune ha pubblicato l’avviso di manifestazione d’interesse per la selezione di operatori economici da invitare alla procedura negoziata per l'affidamento del servizio di gestione dello stadio di Viale della Vittoria, dove è in corso la prima fase del restyling: la posa del campo in erba sintetica, l'installazione di un nuovo impianto di illuminazione e la realizzazione di un campetto coperto per il calcio a 5, lavori affidati al consorzio modenese Cme per 467.888 euro con un ribasso d'asta del 22,646% e destinati a terminare per l'autunno. La durata della concessione è di 3 anni per un valore di 345mila euro. Ci sono due settimane per partecipare: le manifestazioni di interesse, infatti, dovranno pervenire al Comune entro le ore 10 del 20 luglio 2020. Il regolamento è spiegato a questo link.  

Ora è derby tra l’Anconitana di Stefano Marconi, che ambisce da tempo alla gestione del Dorico come base per il settore giovanile e gli allenamenti della prima squadra, e la Giovane Ancona, la scuola calcio di Sergio Schiavoni, che si è detto interessato a prendere in gestione l’impianto cittadino ma deve fare i conti con un vincolo: in base al regolamento comunale, ciascun operatore non può risultare assegnatario di più di un impianto sportivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non lo vedono giorni, i vicini danno l'allarme ma è troppo tardi: uomo morto in casa

  • Marche di nuovo in zona gialla? Acquaroli ci spera: «La curva sta scendendo»

  • Nuova ordinanza, ancora sacrificio per i commercianti: vietato mangiare all'aperto

  • Lutto in Comune, morta a 45 anni la dipendente Patrizia Filippetti

  • Pauroso incidente a Sappanico, dell'auto rimane solo la carcassa

  • «Democrazia sospesa dai Dpcm, ora querele contro chi li applica: polizia e sindaci»

Torna su
AnconaToday è in caricamento