menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

Assistenti sociali: potenziare subito le Usca

L'appello accorato della presidente Marzia Lorenzetti di rafforzare i servizi socio-sanitari territoriali

Potenziare subito le Unità Speciali di Continuità Assistenziale: è la richiesta avanzata ancora una volta dall'Ordine Assistenti Sociali Marche alla Regione. In una nota inviata dalla presidente Marzia Lorenzetti si è voluta evidenziare la massima disponibilita? dei professionisti rappresentati dall'Ordine nel sostenere le istituzioni in questo delicatissimo e difficile periodo. «Rappresento con urgenza l’opportunita? di rafforzare i servizi socio-sanitari territoriali - ha sottolineato Lorenzetti - al fine di garantire la valutazione multidimensionale a tutte le persone che vi si rivolgono, cosi? come previsto dal decreto legge n. 34 del 19 maggio 2020 che, tra le altre misure, prevede e finanzia l'assunzione di professionisti assistenti sociali per il supporto ai servizi territoriali e le Usca». Come noto, ha precisato la presidente, il predetto decreto prevede specificatamente che «ai fini della valutazione multidimensionale dei bisogni dei pazienti e dell’integrazione con i servizi sociali e socio sanitari territoriali, le aziende e gli enti del Servizio Sanitario Nazionale, a supporto delle Unita? speciali di continuita? assistenziale, possono conferire incarichi di lavoro autonomo, anche di collaborazione coordinata e continuativa, a professionisti del profilo di assistente sociale, regolarmente iscritti all’albo professionale».

«Tale previsione permetterebbe alla Regione Marche di implementare il Servizio Sociale Professionale nell'ambito socio-sanitario supportando, in questo modo, anche i servizi territoriali impegnati a fronteggiare le nuove richieste emergenti di contrasto alla poverta? e all'esclusione sociale». L'Ordine Assistenti Sociali Marche ha ribadito la propria disponibilita? a collaborare nella realizzazione di quanto previsto nel suddetto decreto. «Cosi? come avvenuto in altre regioni, siamo disponibili a contribuire ad una formazione iniziale e specifica dei professionisti che potrebbero essere individuati».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento