rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Attualità

La cura degli anziani e dei soggetti fragili è un lusso. Mangialardi: «Rivalutare contributo dell'assegno di mantenimento»

«Da giorni continuo a ricevere segnalazioni e richieste di aiuto da parte di tante persone che hanno i loro cari ospitati nelle Residenze assistenziali sanitarie sparse nella nostra regione». A dirlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi

ANCONA – “Da giorni continuo a ricevere segnalazioni e richieste di aiuto da parte di tante persone che hanno i loro cari ospitati nelle Residenze assistenziali sanitarie sparse nella nostra regione". A dirlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi. "Molte di queste arrivano anche da cittadini residenti a Senigallia e nelle valli del Misa e del Nevola, dove i rincari delle rette stanno mettendo fortemente in difficoltà centinaia di famiglie. Purtroppo eravamo stati facili profeti quando, già nel 2021, denunciavamo gli effetti negativi che sarebbero derivati dalla scarsa attenzione della giunta regionale al grido d’allarme lanciato dagli enti gestori circa l’esponenziale aumento dei costi dovuti al Covid. A nulla sono servite interrogazioni, mozioni e soprattutto le proposte di modifica del bilancio regionale che individuavano concretamente dove andare a prendere le risorse da erogare per i ristori necessari a salvaguardare i conti delle Rsa, messi a dura prova dai maggiori oneri di assistenza e dal calo dei nuovi ingressi registrato durante la pandemia. Alle continue promesse di un intervento risolutivo fatte in aula da vari esponenti della giunta regionale, poi puntualmente disattese, hanno fatto riscontro solo le bocciature di ogni iniziativa avanzata dal gruppo del Pd. Il gioco che sta facendo la giunta regionale e l’intero centrodestra marchigiano è estremamente chiaro: scaricare ogni responsabilità riguardante gli aumenti sugli enti gestori, i quali, al contrario, hanno fatto e continuano a fare tutto il possibile per garantire l’assistenza socio sanitaria ad anziani, disabili, minori, persone con problemi di salute mentale e dipendenze patologiche, andando spesso perfino oltre le loro possibilità”. A dirlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi.

È ora di dire basta a questo abuso della pazienza dimostrata negli ultimi due anni da chi dirige queste strutture – conclude Mangialardi -: la giunta regionale non può più voltarsi dall’altra parte di fronte alla drastica riduzione del potere di acquisto di tante famiglie, già messo falcidiato dall’inflazione e dal caro energia. La cura di anziani e soggetti fragili non può e non deve diventare un lusso insostenibile. Per questo motivo torneremo a chiedere in aula l’erogazione dei contributi straordinari agli enti gestori rispetto alle annualità 2021 e 2022, ma anche l’adeguamento del contributo regionale giornaliero all’indice di rivalutazione Istat relativo all’assegno di mantenimento, che riteniamo vada portato almeno alla cifra di 45 euro per ogni posto Rsa convenzionato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cura degli anziani e dei soggetti fragili è un lusso. Mangialardi: «Rivalutare contributo dell'assegno di mantenimento»

AnconaToday è in caricamento