rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità

Area Marina Protetta: «Terza bocciatura per il referendum, ma non molliamo la partita»

Le decisioni del Comitato a fronte della nuova bocciatura del quesito referendario sull'Area marina protetta

«Lo scorso 2.novembre con una PEC inviata al Comune è stata richiesta la formalizzazione della risposta sulla ammissibilità del quesito referendario sull’istituzione dell’Area Marina protetta Costa del Conero, proposto in data 17 maggio 2021 (e successive modifiche). Questa risposta avrebbe dovuto essere pronunciata entro 15 giorni dalla presentazione, come previsto dall’art.9 del Regolamento comunale per la disciplina dei referendum comunali- scrive il Comitato promotore del referndum sull'Area marina protetta- Tale decisione è stata presa nella partecipata assemblea congiunta tra il Comitato per il Referendum ed il Comitato Insieme per l’Area Marina Protetta, tenutasi il 25 ottobre us per discutere il da farsi in merito all’iniziativa del Referendum per la istituzione dell’Area Marina Protetta Costa del Conero. Il 1° ottobre la Commissione Comunale per la ammissibilità dei referendum ha bocciato per la terza volta le proposte di formulazione del quesito referendario avanzate dai Comitati ed ha proposto un suo testo, trasmettendo il verbale solamente il 12 ottobre»

«L’Assemblea ha  ribadito l’esigenza di natura democratica per cui i cittadini vengano chiamati ad esprimere la propria opinione sulla costituzione dell’Area Marina Protetta, tramite l’istituto del referendum consultivo- contunua la nota- l’Assemblea ha preso atto del rifiuto, per la terza volta, della proposta del quesito referendario da parte della “Commissione consiliare per l’ammissibilità dei referendum comunali” e all’unanimità ha ritenuto non accettabile il testo del quesito proposto dalla suddetta commissione (che non ha questa funzione). Infatti, tra molte altre motivazioni, in esso vengono citati contenuti inappropriati in relazione alla costituzione di una Area Marina Protetta. Ci si attende da parte della Amministrazione Comunale e dal Consiglio la volontà effettiva di far esprimere i cittadini su questo importante tema di sviluppo e di tutela della costa del Conero tramite un referendum consultivo, rivedendo la propria posizione finora negativa consistita nel ritardare la risposta con interpretazioni contestabili. Nel mondo si parla di agire per ridurre le emissioni climalteranti, di aumentare fortemente parchi e aree marine protette: sembra che nella pratica anconetana i cittadini non possano nemmeno dire la propria sulla protezione del mare, nell’interesse delle future generazioni. Lungi dall’abbandonare la partita, i due Comitati hanno altresì deciso di: partecipare alle riunioni sull’Area Marina Protetta della V Commissione del Consiglio comunale di Ancona – la prossima giovedì 11 alle ore 16.00;
aumentare l’attività di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini sulla esigenza di tutelare la Costa del Conero mediante la costituzione della Area Marina Protetta;
chiedere l’intervento della Associazioni di protezione Ambientale a livello nazionale per appoggiare tale richiesta; prendere le decisioni conseguenti alla risposta al quesito, che si attende arrivi a strettissimo giro di posta».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Area Marina Protetta: «Terza bocciatura per il referendum, ma non molliamo la partita»

AnconaToday è in caricamento