Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità

Ricerca persone scomparse, approvato il nuovo Piano provinciale. Le novità

Nella provincia, dal 1° gennaio ad oggi, il protocollo è stato attivato 13 volte

ANCONA- È stato approvato, il 3 agosto scorso, il nuovo Piano provinciale di ricerca delle persone scomparse, predisposto dalla prefettura di concerto con tutti i soggetti che intervengono nelle complesse attività finalizzate al rintraccio di una persona irreperibile. L’aggiornamento migliora il già consolidato sistema di rintraccio, soccorso, salvataggio e recupero che viene attivato in occasione della scomparsa di una persona. Tiene anche conto delle più recenti novità normative e regolamentari in materia, nonché dei rilievi e delle osservazioni rappresentate dai soggetti preposti alle ricerche. La direzione delle ricerche fa capo alla forza di polizia che ha ricevuto la denuncia se la scomparsa è avvenuta in zona antropizzata o ai vigili del fuoco se la scomparsa avviene in zona non antropizzata.
Rispetto alla precedente versione, l’edizione 2023 del Piano presenta una serie di novità tra le quali:
•    la previsione di maggiori e più articolate informazioni da parte degli organi investigativi;
•    l’attenzione al fenomeno della scomparsa di minori, infatti il piano viene attivato anche nel caso di allontanamento volontario di minorenni e di persone vulnerabili (es.: persone anziane o malati di Alzheimer);
•    l’allargamento del novero dei soggetti interessati dalle operazioni di ricerca; un ruolo importante viene infatti svolto dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, per le ricerche in zone montane e impervie e dai volontari, sia quelli facenti capo alla Protezione Civile locale che regionale;
•   la predisposizione di una disciplina di dettaglio tarata sulle specifiche esigenze territoriali;
•   la definizione di competenze specifiche e dedicate alla gestione dei rapporti con i familiari dello scomparso e con gli organi di informazione, anche grazie agli appartenenti ad associazioni come l’Associazione Penelope” deputati a tenere i contatti con i familiari degli scomparsi.


La nuova pianificazione - che abbraccia diversi profili della Protezione Civile, della Pubblica Sicurezza e del Soccorso Pubblico – ha recepito, inoltre, tutte le linee guida provenienti dal Commissario Straordinario del Governo per le persone scomparse con un’attenzione particolare al coinvolgimento dell’associazionismo e del volontariato in generale, sempre più qualificati dal punto di vista tecnico-logistico, operativo e della preparazione. Fattori fondamentali per la buona riuscita delle ricerche sono il fattore “tempo” e l’effettivo coordinamento delle forze in campo, pertanto è di tutta evidenza il ruolo strategico interpretato della Prefettura e dell’Ente chiamato a dirigere le ricerche in loco.
Nella provincia di Ancona, dal 1° gennaio ad oggi, il piano è stato attivato 13 volte e in ciascuna delle occasioni in cui le ricerche hanno avuto luogo, le persone coinvolte sono state ritrovate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricerca persone scomparse, approvato il nuovo Piano provinciale. Le novità
AnconaToday è in caricamento