rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Attualità Centro storico / Via della Loggia

Vini e salumi marchigiani, piatti della tradizione rivisitati: apre il ristorante pizzeria "Ricomincio da Due"

Sarà gestito da Antonietta Bonino, figlia di Enrica Massa, l'indimenticabile ristoratrice scomparsa un anno fa

ANCONA- I prodotti tipici marchigiani, dal vino ai salumi, i piatti della tradizione rivisitati in chiave più moderna, il profumo della pizza appena sfornata. Il tutto racchiuso in una location davvero speciale, quella di via della Loggia. Aprirà la prossima settimana il ristorante “Ricomincio da due” gestito da Antonietta Bonino, per tutti Antonella. Il locale prenderà il posto della Taverna Pizzeria Loggia XV (un tempo Mangiare Bere Uomo Donna) dove Antonietta ha lavorato come cuoca. Figlia di Enrica Massa, indimenticabile ristoratrice scomparsa un anno fa, si è avvicinata alla cucina nel 1978, appena arrivata ad Ancona. Cuoca di professione, Antonietta ha deciso di mettersi in gioco prendendo in gestione il ristorante di via della Loggia 5.  «Ho voluto mettermi in gioco, dimostrare quanto valgo. Non c’è un’età per farlo- spiega la signora Bonino-. Ho due figlie che mi stimolano e che mi hanno spinto ad aprire questo locale. Entrambe mi daranno una mano. La più piccola, Lucrezia, ha 25 anni e lavorerà con me nel ristorante. La più grande, Michela, si occuperà della parte amministrativa. Loro sono la mia forza, ecco perché il locale si chiama “Ricomincio da due”».

Per il primo periodo gli avventori troveranno l’insegna “Taverna Pizzeria Loggia XV – Ricomincio da due”, poi sarà sostituita. Sempre nella fase inziale il locale sarà aperto tutte le sere e solo il fine settimana anche pranzo. Successivamente aprirà tutti i giorni a pranzo e a cena. Il menu è ricco: ci sono prodotti tipici marchigiani, piatti della tradizione, carne e pizza. Il pesce sarà su ordinazione. «Nel menù ho voluto mettere un piatto che faceva mia madre e che conoscono tutti: lo spaghetto alla afro cubana a base di spezie e odori dell’orto. Questa pietanza va bene sia per i vegetariani che per i vegani».

Come mai ha scelto di aprire il ristorante in centro ad Ancona? «Ho vissuto sempre qui, ho fiducia in questa città perché secondo me vale molto. Il locale è in una posizione strategica, vicino abbiamo il porto, il Teatro delle Muse, Piazza del Papa… L’apertura porterà movimento in centro perché le persone non rinunciano a mangiare bene». In questo periodo si parla molto della difficoltà nel trovare personale nei ristoranti. Anche lei ha incontrato questa difficoltà? «Ho deciso di tenere i colleghi con cui ho lavorato in cucina negli ultimi anni, avrò dei camerieri e, come dicevo, mi darà una mano mia figlia perché io sarò ai fornelli. Sono giovani ed ho fiducia in loro. Ritengo sia importante dare uno stipendio adeguato altrimenti è chiaro che i ragazzi vorranno fare lavori con un ritmo diverso da quello dei ristoranti. Da noi inziano circa un’ora prima dell’aperura per sistemare la sala e il bar, quindi il turno serale è dalle 18 alle 23:30, quello del pranzo è dalle 11:30 alle 15».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vini e salumi marchigiani, piatti della tradizione rivisitati: apre il ristorante pizzeria "Ricomincio da Due"

AnconaToday è in caricamento