rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità

L’Ancona sul territorio, summit di Canil imprenditori e istituzioni

Nell’ultimo weekend il patron biancorosso Mauro Canil ha incontrato forze politiche e imprenditoriali per allargare il bacino del club dorico

Nell’incantevole cornice di Villa Teloni a San Severino Marche si è svolto sabato 27 Novembre il primo di una serie di incontri promossi dall’Ancona Matelica con aziende, imprenditori e istituzioni del territorio marchigiano. Proprio nell’ottica della programmazione che richiede il progetto di calcio partecipativo e concreto presentato la scorsa estate dal patron Mauro Canil alla Mole Vanvitelliana, la società ha deciso di promuovere questo incontro, orientato al confronto di idee e alla crescita di reti tra i vari partner commerciali presenti.

Ampia la partecipazione di autorità e aziende, di cui alcune già parte del progetto Ancona Matelica ed altre che hanno manifestato l’interesse di entrare a farne parte. Soddisfatto lo stesso Canil che con il suo intervento ha concluso l’evento: «Ci tengo ad elogiare chi da sempre è al fianco della società le cui parole questa sera mi hanno emozionato. Essere degni della loro fiducia è per me motivo di orgoglio. Giovanni Ciccolini è per noi un pilastro imprescindibile. Con lui abbiamo costruito qualcosa di impensabile ed oggi stiamo facendo giocare a calcio centinaia di bambini in strutture moderne ed efficienti a Matelica ed Ancona.  Voglio ribadire che il nostro progetto è incentrato sulla crescita del settore giovanile affinché diventi un bacino per la prima squadra, ma allo stesso tempo possa diventare una fucina di talenti per le società di categorie superiori alla nostra. A Michele Boldrini, grande appassionato di calcio che da qualche anno condivide con noi il nostro percorso, va il merito delle nuove panchine al Del Conero. Stefano Marconi è stato il nostro primo sponsor su Ancona, vedendo in noi la possibilità di dare respiro a ciò che una piazza come Ancona merita sicuramente. Da soli non si va da nessuna parte e il periodo storico ed economico che stiamo vivendo ne è la prova. Credere in un progetto significa avere l’ingegno di non fermarsi ad oggi ma avere la visione del futuro. Lo scopo di questa iniziativa è proprio quello di coinvolgere ancora maggiori aziende e renderle protagoniste con noi di una realtà che ha valenza nazionale e che aspira a consolidarsi, a beneficio del territorio e soprattutto del benessere dei ragazzi. La Società non è una realtà chiusa in sé stessa, bensì una realtà aperta a coloro che credono in quello che facciamo e che abbiano voglia di mettersi in gioco partecipando alla stessa in prima persona».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’Ancona sul territorio, summit di Canil imprenditori e istituzioni

AnconaToday è in caricamento