menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Baldelli

Francesco Baldelli

Via l’amianto dagli ospedali, assessore Baldelli: «Garantire il diritto alla salute»

Sono stati selezionati per interventi di bonifica dal rischio amianto gli ospedali di Sassoferrato, Senigallia, Arcevia e Fabriano, oltre al Salesi, all’ospedale regionale di Torrette e all’Inrca

Bonifica dell'amianto nelle strutture ospedaliere anconetane. «Proseguiamo l’opera di bonifica per dare una risposta concreta ad un annoso problema che affrontiamo in maniera strutturale, a riprova dell’impegno dell’amministrazione regionale per la messa in sicurezza dei nosocomi del territorio». Lo comunica l’assessore ai Lavori pubblici e all’Edilizia ospedaliera Francesco Baldelli che ribadisce la volontà di garantire il diritto alla salute «che - prosegue - equivale ad avere servizi primari diffusi nel territorio e strutture sicure. In quest’ottica, la necessità di rimuovere l’amianto nelle strutture ospedaliere non ancora bonificate che attendevano da anni questi indispensabili interventi».

A tal fine sono stati selezionati per interventi di bonifica dal rischio amianto gli ospedali di Sassoferrato, Senigallia, Arcevia e Fabriano, oltre al Salesi, all’ospedale regionale di Torrette e all’Inrca. «La bonifica più consistente - si legge nella nota - sarà nei presidi di Torrette e Salesi, dove saranno rimosse intere tubazioni delle linee in disuso e la copertura della centrale elettrica, per una spesa di circa 1 milione. Ai quali si aggiungono gli interventi relativi alla vecchia morgue e alla palazzina con gli uffici tecnici per fare spazio al Nuovo Salesi, per una spesa complessiva di ulteriori 600 mila euro. Per quanto riguarda le altre strutture, a Sassoferrato si procederà alla rimozione di due vasche in passato adibite a serbatoio di acqua, di una canna fumaria e di una pavimentazione in vinil amianto, a Senigallia si rimuoveranno serbatoi, cisterne e condotte presenti in più padiglioni, ad Arcevia saranno eliminate lastre in eternit, cisterne e tubazioni, a Fabriano vecchie tubazioni di scarico delle acque reflue e due caldaie e, infine, all’Inrca saranno rimosse coperture in eternit e altri residui di amianto, per una spesa complessiva di circa 155mila euro, che è esattamente la somma degli importi richiesti dalle aziende sanitarie, quindi vi è da parte della Regione una copertura economica totale».

L’intervento rientra nel Piano complessivo di bonifica dell’amianto attivato per 21 ospedali della regione e soddisfa pienamente le necessità rappresentate dall’Area Vasta 2. «Gli interventi di finanziamento sono stati subordinati a precise priorità – spiega l’assessore Baldelli - si sono ritenuti primari gli interventi sulle strutture sanitarie e ospedaliere che prevedono la degenza 24 ore su 24 dell’utenza. Tutte le richieste pervenute per strutture con tale tipo di degenza sono state finanziate».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Ancona millenaria va in tv: la storia della "dorica" in prima serata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AnconaToday è in caricamento