Attualità Borgo Rodi / Via Isonzo

La crisi le tolse il lavoro, la rivincita di Martina: «Apro un istituto di bellezza»

Si chiamerà "Amati" e sta per aprire i battenti. Quella di Martina è una sfida alla crisi dovuta alla pandemia che, lo scorso ottobre, le aveva fatto perdere il lavoro

Martina Giampaoletti

A ottobre il calo di clientela dovuta all’emergenza Covid le ha tolto il lavoro in un centro estetico, ora Martina deciso di guardarle in faccia la crisi e sfidarla. Domani pomeriggio aprirà il suo istituto di bellezza in via Isonzo 236, ad Ancona: «Ho deciso di partire da zero e mettermi in proprio, trasferendomi qui da Montemarciano- spiega Martina- perché proprio quest’anno? E’ un po’ una sfida a tutta questa situazione. Secondo me questa è anche la volta buona in cui riusciamo a far ripartire tutto e quindi ho deciso di provarci». 

Martina ha lavorato come dipendente fino allo scorso ottobre, con esperienze in centri estetici di Marina di Montemarciano, Jesi e Falconara: «Ad Ancona c’è più gente e, facciamo tutti gli scongiuri, ma se dovessero impedire di nuovo gli spostamenti tra comuni mi troverei già in una città piuttosto grande». L’istituto si chiamerà “Amati” e, oltre che sulla collocazione geografica punterà su un’offerta studiata sull’utilizzo di macchinari e trattamento piedi: «Offrirò servizi di estetica base come gli altri centri estetici, ma anche trattamenti “Luxury” per i piedi e un servizio con due macchinari: l’epilazione laser e un sistema che snellisce e scolpisce il corpo». Il periodo impone procedure e dispositivi di sicurezza: «Ci saranno cabine in cartongesso, mascherine, trattamenti disinfettanti tra un cliente e l’altro e igienizzazione continua- specifica Martina- ma molte di queste cose, come la sterilizzazione, le avrei fatte comunque». Taglio del nastro domani, 4 luglio, alle 18:30: «Ci sarà un piccolo aperitivo e un regalo per chi verrà».
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crisi le tolse il lavoro, la rivincita di Martina: «Apro un istituto di bellezza»

AnconaToday è in caricamento