rotate-mobile
Attualità Jesi

Albero caduto, la scuola torna in sicurezza. Abbattuto il pino pericolante, ora verifiche sugli altri

È stato abbattuto un pino pericolante presente al giardino della primaria Garibaldi

JESI - È stato abbattuto un pino pericolante presente al giardino della primaria Garibaldi, mentre da domani saranno potati gli altri, in maniera tale da garantirne la piena sicurezza. Sono i primi immediati provvedimenti decisi dall’Amministrazione comunale dopo il cedimento improvviso, sabato scorso, del grosso albero nel cortile della stessa scuola e dal riscontro che anche quello abbattuto in data odierna presentava seri rischi per la pubblica incolumità. 

In un incontro, sollecitato dal sindaco Lorenzo Fiordelmondo ed a cui hanno partecipato l’assessora ai lavori pubblici Valeria Melappioni ed i tecnici comunali, il Comune ha dato mandato all’Area Servizi Tecnici di procedere in maniera rapida anche ad una verifica delle principali alberature presenti in città, a partire dai viali e dalle scuole, per poi continuare nei parchi. Saranno più agronomi specializzati a compiere  tale operazione e, laddove le verifiche dovessero fornire elementi che rendono necessari ulteriori approfondimenti, saranno effettuate indagini ancor più analitiche. 

«L’Amministrazione comunale, consapevole che quelli che fino a poco tempo fa potevano considerarsi eventi straordinari determinati da fortissime raffiche di vento sono ormai da ritenersi fenomeni ricorrenti, ha disposto anche che, a partire dal prossimo appalto di manutenzione del verde pubblico, vengano destinate maggiori risorse per una più ampia e dettagliata verifica degli standard di sicurezza. L’obiettivo è di dar corso ad una adeguata e puntuale programmazione degli interventi che, garantendo la più ampia tutela della pubblica incolumità, contribuisca anche alla migliore cura e valorizzazione del verde pubblico nel suo complesso» si legge in una nota.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albero caduto, la scuola torna in sicurezza. Abbattuto il pino pericolante, ora verifiche sugli altri

AnconaToday è in caricamento