rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Attualità Quartiere Adriatico / Via Panoramica

Sit-in e performance per sostenere le donne afgane: appuntamento al Passetto

"Chi salva una vita salva il mondo intero" è il messaggio che l'associazione Amad di Ancona, insieme a tante altre realtà, porterà al sit-in di solidarietà

Sit-in, testimonianze e performance per sostenere le donne afghane sabato 11 dicembre alle 16,30 al monumento del Passetto ad Ancona "Chi salva una vita salva il mondo intero", è il messaggio finale che l'associazione Amad di Ancona, insieme a tante altre realtà, associazioni, danzatrici e performer sensibili e generosi, porteranno al sit-in di solidarietà per il popolo afghano, in programma sabato 11 dicembre, a partire dalle 16,30, davanti al Monumento del Passetto, nel capoluogo regionale, in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani che si celebra in tutto il mondo venerdì prossimo.

In Afghanistan è catastrofe umanitaria, dopo il ritorno al potere dei Talebani. A partire da agosto, quando AMAD - Associazione Multietnica Antirazzista Donne ha avviato il Progetto Afghanistan, sono state centinaia le richieste di aiuto giunte da uomini ricercati o sopravvissuti ad attacchi da parte dei talebani, ma soprattutto da donne e ragazze rimaste
sole e in pericolo con figli piccoli che, per evitare di essere violentate o date in spose a degli sconosciuti, sono rifugiate in luoghi angusti, senza soldi, senza cibo e senza la possibilità di
poter uscire per chiedere aiuto. Le volontarie di Amad, alcune di lingua persiana, sono riuscite a stabilire contatti telefonici con tante donne in difficoltà. Fatima (nome di fantasia), appena 19 anni, ogni giorno scrive per raccontare cosa succede. Non ha più una famiglia. Chiede disperatamente aiuto. Il telefono è il suo unico ponte di collegamento con il mondo. Non avendo un uomo al suo fianco non può girare per strada da sola, potrebbe essere rapita, data in sposa ai talebani o venduta al mercato dei trafficanti. Sorte comune che tocca alle vedove e alle giovani, spesso poco più che bambine.

Il prossimo 11 dicembre la loro condizione verrà rappresentata attraverso la performance di teatro danza "Il ladro di fiori"della coreografa Simona Ficosecco, a cura di Accademia 56 e
Luna Dance Center. Ci saranno anche testimonianze di donne afgane con cui Amad è in collegamento e che la stessa associazione sta cercando di aiutare. Verrà rilanciato l'appello
dell'associazione (https://www.associazioneamad.it) già sostenuto da diverse realtà e associazioni del territorio, collegato ad una raccolta fondi dedicata. Amad sta tentando di creare luoghi sicuri in Afghanistan per coloro che non possono richiedere un passaporto e dando un’opportunità di studio, lavoro e libertà alle donne e le ragazze in Italia. «AMAD non può e non vuole voltare le spalle alle donne e alle ragazze afgane.Raccogliendo il loro grido di dolore vogliamo restituire alle stesse una vita di cui non avere più paura. Vogliamo che siano fuori pericolo, fuori dalla portata dei talebani ma anche lontane dalle mani dei trafficanti», dice la Presidentessa Donatella Linguiti a nome di tutti i soci.  Hanno finora sottoscritto l'appello di Amad: Anpi di Ancona, Cgil Ancona, Cisl Marche, Uil Marche, Cnca Marche, Comunità Afgana, E'tv Marche, Gulliver-Udu Ancona, Il sorriso di Daniela, Libera Marche, Se non ora quando?, Comitato 13 febbraio Ancona, Terza Via Ancona e Università per la pace. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sit-in e performance per sostenere le donne afgane: appuntamento al Passetto

AnconaToday è in caricamento