rotate-mobile
Attualità

Sushi e start up per il Passetto 2.0: «E’ una barca che diventerà una nave, come noi solo la California»

L’imprenditore Angelo Abate lancia un messaggio ai giovani e alla città. Unicorn si arricchisce di un altro tassello

ANCONA- Al primo piano svetta Unicorn, la culla di start up, incontri di innovazione, hub di innovazione tecnologica e casa di giovani talenti sbocciata nei mesi scorsi. In alto, sulla terrazza, con una visuale da far invidia “Hush” il sushi innovativo e all’ultima moda che sta accogliendo centinaia di giovani, meno giovani ma soprattutto vip. E’ il Passetto che rinasce, è il Passetto targato Angelo Abate (nella foto sotto) l’imprenditore campano cresciuto ad Ancona pronto a far crescere ancora la sua visione coltivata nel tempo ed ora libera di espandersi:

«Siamo appena all’1% di quello che vogliamo fare – spiega Abate – Vogliamo riposizionare completamente questa struttura e questa città. Volevamo invertire la mediocrità di pensiero che nel tempo si era diffusa, permettere ai giovani di farsi riattrarre da Ancona era la nostra vera sfida. Oggi un luogo come il Passetto, simbolo di una vecchia generazione, è rinato e dovrà diventare l’emblema della nuova. Tanti giovani ci stanno seguendo, tanti si stanno avvicinando a noi. E’ la cosa che più ci inorgoglisce».

 Angelo Abate-2

La nascita di Hush, confessa Abate (socio insieme a Matteo Hu e Giulia Femio), avviene in modo naturale quasi automatico dopo lo sviluppo delle start up al piano di sotto: «E’ venuto tutto in maniera naturale. Tra il sushi e le start up abbiamo assunto già cinquanta persone, nessuna azienda aveva creato così tanto valore in città in poco tempo e stiamo andando avanti come ci eravamo presupposti. Vogliamo mantenere i ragazzi qui e non farli andare a Roma o Milano, questa è la nostra rivoluzione. Il messaggio è chiaro, abbattiamo lo stereotipo del “qui non c’è niente”».

La chiusura è un messaggio per i giovani, per invitarli a credere nelle loro potenzialità: «Stiamo ispirando le nuove generazioni ad osare, Unicorn come il simbolo del cambiamento. Da Hush sono già stati ospiti l’ex arbitro Daniele Tombolini, Walter Zenga, tanti vip e personaggi noti. Inoltre abbiamo chiuso un accordo con la società di eventi anconetana Congredior che si occuperà dell’organizzazione delle iniziative allo Unicorn. Siamo su una barca che diventerà una nave e tutto ciò perché gli anconetani ci stanno sostenendo. Una cosa del genere la si può trovare solo in California, in pochissimi hanno scelto di puntare sulla strada della cultura dell’innovazione. Noi siamo fieri di averlo fatto».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sushi e start up per il Passetto 2.0: «E’ una barca che diventerà una nave, come noi solo la California»

AnconaToday è in caricamento