rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Animali zona porto

Dall'Albania ad Ancona in bus e nel trasportino troppo piccolo: sequestrato cucciolo di cane

i Carabinieri Forestali del Nucleo Carabinieri CITES di Ancona con il personale dell’Agenzia Accise, Dogane e Monopoli (ADM) all’interno del Porto di Ancona hanno proceduto al sequestro penale di un cucciolo di cane di razza pastore belga Malionis

ANCONA - Nei giorni scorsi i Carabinieri Forestali del Nucleo Carabinieri CITES di Ancona con il personale dell’Agenzia Accise, Dogane e Monopoli (ADM) all’interno del Porto di Ancona hanno proceduto al sequestro penale di un cucciolo di cane di razza pastore belga Malionis. L’animale è risultato essere stato importato in Italia dall’Albania senza microchip (previsto obbligatoriamente per legge) e inoltre al di sotto dell’età consentita; è stato infine accertato che i documenti di importazione attestavano falsamente l’avvenuta identificazione e la somministrazione della vaccinazione antirabbica.
Gli accertamenti degli agenti intervenuti in ambito portuale (personale dell’Agenzia Accise, Dogane e Monopoli e Carabinieri Forestali)  hanno consentito di verificare che il cane era stato trasportato nel lungo tragitto dall’Albania all’Italia all’interno di un trasportino molto piccolo rispetto alle dimensioni del cucciolo, per di più a bordo di un autobus non autorizzato al trasporto di animali. Contattati i Medici veterinari dell’Area Vasta 2 – Servizio di Sanità Animale, intervenuti presso il Porto di Ancona, gli agenti accertatori hanno proceduto al sequestro penale del cucciolo  e della documentazione di importazione, denunciando alla Procura della Repubblica di Ancona il trasportatore e il proprietario committente il trasporto per il reato di maltrattamento di animali e per aver utilizzato documenti falsi per l’importazione nell’Unione Europea.

Il cucciolo è stato immediatamente sottoposto alle necessarie cure sanitarie e, appurata l’inefficacia della vaccinazione antirabbica, stante anche la provenienza del cane da uno Stato a rischio rabbia, è stato prontamente isolato e affidato in custodia al Canile di Ancona, dove resterà nei prossimi giorni per essere costantemente sottoposto agli accertamenti sanitari e per proseguire le cure del caso.

Al momento l’animale manifesta sintomi probabilmente riconducibili anche allo stress del trasporto, come leggera disidratazione, problemi alla deambulazione accompagnati da sintomi nervosi, ma le condizioni di salute complessive restano buone.
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Albania ad Ancona in bus e nel trasportino troppo piccolo: sequestrato cucciolo di cane

AnconaToday è in caricamento