Miniolimpiadi, vincono il palio i blu di Palombina Vecchia-Barcaglione

Prima delle premiazioni l’annuncio di Comune e comitato ‘No al muro, sì al mare’: domenica 23 giugno alle 11 una catena umana lungo la spiaggia

La premiazione

Lo stadio Roccheggiani si è colorato di blu per l’edizione 2019 delle Miniolimpiadi. Anche quest’anno, come nel 2017, il ‘Palio’ è andato infatti a Palombina Vecchia-Barcaglione, che concorreva appunto con il colore blu. A consegnare il Trofeo dei Quartieri è stata il sindaco Stefania Signorini.

Il Trofeo tecnico intitolato ad Adelio Pistelli, consegnato dalla figlia Roberta, è stato invece assegnato al Centro (colore rosso), che ha totalizzato 49 punti, seguito da Palombina Vecchia-Barcaglione con 44, da Castelferretti (colore verde) con 43 e dal Quartiere Stadio-Falconara Alta-Villanova-Fiumesino-Poiole (colore arancione) con 39. L'istituto comprensivo Raffaello Sanzio ha infine conquistato il Trofeo di istituto: il 64% degli iscritti ai vari plessi ha partecipato a gare e tornei. A consegnare i trofei, insieme al sindaco e a Roberta Pistelli, sono stati Fabio Sturani della Regione Marche, gli assessori falconaresi Marco Giacanella e Clemente Rossi, Stefano Donzelli, direttore della Bcc (tra gli sponsor dell’evento), il comandante dei carabinieri della Tenenza di Falconara Michele Ognissanti, il vicecomandante della Compagnia falconarese della Guardia di Finanza Francesco Cavuoto e l’ideatore delle Miniolimpiadi Fernando Montalbini.

A precedere le premiazioni, l’annuncio di una nuova manifestazione pubblica contro le barriere antirumore di Rfi: Paolo Baldelli, segretario del Comitato No al muro, sì al mare di Falconara, affiancato dal sindaco Signorini ha invitato i tanti presenti a partecipare a una catena umana di protesta che si svolgerà sulla spiaggia domenica 23 giugno a partire dalle 11, in collaborazione con i bagnini falconaresi. «Due anni fa, quando ho pensato di rilanciare le Miniolimpiadi dopo 30 anni di interruzione, ho voluto valorizzare lo spirito di questa manifestazione, espressione dei valori dello sport e di appartenenza al proprio territorio, con un forte potere di aggregazione – dice il sindaco Stefania Signorini –. La grandissima partecipazione dei ragazzi a questa edizione e la mobilitazione di tante associazioni e singoli cittadini impegnati nell’organizzazione è la conferma che questa sfida è stata vinta. Mi ha emozionato sentire i ragazzi che, prima del nome del proprio quartiere, hanno pronunciato quello della nostra città: oggi Falconara vince».

«Le Miniolimpiadi rappresentano il palio della nostra città – dice l’assessore allo Sport Marco Giacanella – un’occasione per far divertire i nostri ragazzi con sport e socializzazione. Rappresentano anche un momento aggregativo per tutti i falconaresi, per i genitori che hanno collaborato all’organizzazione dell’evento e per tutti quelli che hanno la possibilità di assistere alle gare di questi piccoli campioni».

Gare e tornei sono cominciati già il 23 maggio e la cerimonia ufficiale di apertura è avvenuta sabato 25 allo stadio Roccheggiani, dove sono arrivati i tedofori che hanno portato la fiaccola olimpica fino al Roccheggiani seguendo un percorso di 12 chilometri attraverso i quartieri della città. L’evento si è articolato in 11 giornate e si è svolto tra lo stadio e il palasport Badiali, fino alla cerimonia di chiusura con l’assegnazione dei ‘trofei’ di oggi domenica 2 giugno, cui è seguita la Cena dei Campioni sul prato verde del Roccheggiani. Le Miniolimpiadi di Falconara sono nate nel 1978 come manifestazione sportiva aperta a tutti i ragazzi su idea di Fernando Montalbini. L’evento, partito con 260 ragazzi e arrivato a 1200 durante la sua nona edizione nel 1987, si è consolidato nel tempo e ha testimoniato una crescente partecipazione nelle edizioni successive, arrivando all’istituzione del ‘Trofeo dei Quartieri’. Nell’edizione 2019, organizzata da Comune di Falconara, Pro Loco Falconamare, G.A.S. e istituti comprensivi, si è raggiunto il totale di 1.300 iscritti, accolti grazie a circa 100 volontari. In quanto festa dello sport, anche per questa ultima edizione l’obiettivo è stato quello di promuovere qualsiasi forma di attività sportiva, a beneficio dei ragazzi e della loro crescita.

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Luca padre di due bimbi, stroncato dalla cima-killer: si indaga per omicidio colposo

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • La cima si stacca dalla nave durante l'attracco, la frustata mortale uccide un portuale

  • Elisa trovata morta vicino al suo cane, l'autopsia rivela: «E' stato un malore»

  • Auto in fiamme in A14, il conducente muore carbonizzato

Torna su
AnconaToday è in caricamento