Tanta gioventù tra i linebacker del 2019

Il ruolo più delicato della difesa dei Dolphins subirà profonde variazioni causa scelte di vita ed impegni di lavoro dei precedenti titolari

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Iniziamo oggi la presentazione della difesa dei GLS Dolphins Ancona, stagione 2019, al netto della linea già presentata nei giorni scorsi. Partiamo pertanto dai linebacker. Un ruolo delicato che vedrà i suoi principali interpreti degli ultimi anni impiegati col contagocce. Mattia Dalmonte e Lorenzo Pignataro per motivi differenti saranno destinati ad una stagione da part timer. Niente non è, visto che all’inizio entrambi avevano paventato il ritiro ritenendo di non poter dare ai Dolphins quanto richiesto. Eppure alla fine la voglia di allenarsi, giocare e stare in gruppo ha prevalso ed entrambi faranno il possibile per esserci tutte le volte che potranno. Tutti e due quindi, almeno in questo inizio di campionato, saranno a disposizione dell’head coach Roberto Rotelli e del coach dei linebacker Stefano Paolucci. Il pacchetto sarà per il resto composto da tanti ragazzi della straordinaria under 19 e da tanti che torneranno nella primaria dopo che negli scorsi anni erano stati “prestati” ad altri ruoli per necessità. «Sono molto contento che Dalmonte e Pignataro abbiano deciso di rimanere –esordisce coach Rotelli- sono certo potranno dare entrambi il loro contributo in campo come nella crescita dei pari ruolo più giovani». «Mattia Dal Monte –prosegue Rotelli- è con noi da una vita. Difficile privarsi di lui e per questo sono molto contento abbia deciso di restare. Deve trasferirsi all’estero ma finchè potrà sarà dei nostri. Questo è molto importante». «Lorenzo Pignataro –spiega il coach- è uno dei migliori linebacker italiani. Compatto ma dotato di tanta grinta, forza e dinamicità. Se ti punta partendo da dietro non hai chance. Ci sarà tutte le volte che potrà e sono molto fiero di questo. Quando mancherà sarà perché, causa lavoro, sarà costretto a stare fuori città per settimane e settimane». Poi? Avremo Rahmi El Mechri MVP difensivo della finale under 19 di gennaio «Rahmi è il più giovane del gruppo. MVP, già convocato in nazionale di categoria. Cresce seguendo i dettami dei coach Paolucci e Parker. Potrà solo che incrementare la propria esperienza».

Torna dopo un anno in prestito nelle linee Kristian Giardinieri. «Kristian ha perso peso e messo su un po’ di muscoli, in linea d’attacco non abbiamo le necessità dello scorso anno e così abbiamo deciso di riportarlo nel suo ruolo naturale alla sua struttura fisica e alla sua dinamicità». E Matteo Moretti? «Matteo viene anche lui dalla under 19 dove tanto bene ha fatto. Anche lui torna al suo ruolo naturale dopo un anno in prestito alle linee. Si allena con noi da quando ha 13 anni, è nazionale di categoria. Maglia azzurra per cui ha già dato tanto visto il grave infortunio occorsogli tempo fa nel Blue Team». E infine Antonio Pannella. «Dopo anni passati in defensive line, anche lui torna nel ruolo più difficile ed appassionante della difesa. Strutturato e dinamico, un futuro già avviato come personal trainer. E’ ancora con noi nonostante gli impegni anche nel rugby. Un atleta vero che bene farà anche quest’anno. Proviene da Pesaro». E coach Paolucci cosa pensa dei suoi ragazzi? «Dalmonte e Pignataro saranno con ogni probabilità con noi, ma non spesso, non sempre. Ognuno per motivi extra sportivi. Scelte di vita e di lavoro. Ciò ci porterà ad avere un parco atleti molto giovane ed entusiasta di scendere in campo, ma allo stesso tempo poco esperto. Molti di questi ragazzi han fatto benissimo in under 19 ma in prima divisione l’esperienza conta e conta tanto. Ciò potrebbe penalizzarci un po’ ma d’altra parte non possiamo fare altro. Contiamo molto –Paolucci va avanti- sulle capacità e sulla velocità di apprendimento dei ragazzi. L’esperienza che manca dovrà essere fatta il prima possibile. Forse avanzeremo Mohamed Soltana. Vedremo. Di certo io e il resto del coaching staff dovremo fare di tutto per mettere i ragazzi a loro agio e seguirli passo passo».

Antonio Bomba (Responsabile Comunicazione GLS Dolphins Ancona)

Torna su
AnconaToday è in caricamento