Vela: intervista con Alberto Rossi, skipper di Enfant Terrible

Due chiacchiere con Alberto Rossi, armatore e skipper dello yacht dorico Enfant Terrible, alla vigilia della sua partenza per il Campionato Mondiale ORC International 2012 che si svolgerà ad Helsinki nel periodo 4-11 agosto

Alberto Rossi, skipper di Enfant Terrible

Intervista con Alberto Rossi, armatore e skipper di Enfant Terrible – campione del mondo in carica - alla vigilia della sua partenza per il Campionato Mondiale ORC International 2012 che si svolgerà ad Helsinki nel periodo 4-11 agosto. Lo yacht anconetano ha già raggiunto via nave la Finlandia ed è pronto alla sfida.

Con che spirito affrontate questo impegno mondiale?
Il solito... quello degli sportivi abituati ad affrontare competizioni di alto profilo tecnico. Si parte sempre per stare davanti, anche se siamo coscienti del fatto che andiamo a regatare in zone che non conosciamo e con tante barche, alcune delle quali molto competitive.

Quanti sono i partecipanti all'edizione del campionato Mondiale ORC 2012 ad Helsinki?
Al momento sappiamo che si sono 135 iscritti divisi in due classi, A e B.

Parteciperete al campionato mondiale con la stessa barca che detiene il titolo?
Sì, Enfant Terrible è pronta per questa ulteriore sfida.

Avete apportato modifiche significative ad Enfant Terrible in vista del mondiale? Nuove vele, nuove attrezzature?
Abbiamo apportato alcune piccole modifiche; in particolare abbiamo  modificato la geometria della randa e conseguentemente adattato alcune attrezzature di coperta. Senza entrare in dettagli tecnici, abbiamo optato per una vela “square top” per ridurre la penalizzazione che questo tipo di barca (Farr 40) ha rispetto alla formula ORC.  

Non avendo mai regatato nei paesi scandinavi, cosa vi preoccupa di più?
La previsione di venti leggeri ci impensierisce un po' perché la forza del nostro equipaggio, a parte la grande esperienza e perizia tattica, sta anche nel nostro grande affiatamento che fa la differenza quando le manovre a causa del vento forte si fanno più concitate e quindi più difficili.

A proposito di equipaggio: quanti siete a bordo di Enfant Terrible?  Ci sono new entry o defezioni?
Siamo in dieci. È l'equipaggio che regata abitualmente con me in classe Farr 40. Il comandante della barca è Roberto Strappati e alla tattica c'è Tommaso Chieffi. Al timone  ci sarò io, come sempre, mentre purtroppo – per impegni inderogabili - mancherà Paolo Mascino.

Chi sono i vostri avversari diretti?
Nella lista ho visto molti nomi di yacht che possiamo considerare degli avversari temibili. Tra questi direi che Airis, un GP 42 molto forte e molto adatto a questo tipo di regata potrà darci del filo da torcere. E poi ci sono i TP52 che considero tra i favoriti.

A quali regate preparatorie del campionato avete partecipato quest'anno?
Le regate più importanti alle quale stiamo partecipando sono quelle del circuito americano Farr 40. Dopo le regate di Key West, Miami, Annapolis e Newport siamo secondi in classifica generale. Abbiamo fatto ottimi risultati: 1°, 2°, 2°, 4°. La stagione 2012 si chiuderà a settembre con i Mondiali a Chicago.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

  • Tragedia al cantiere, muore un operaio

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Scompare dopo la visita dal dentista, una task force per cercarlo

Torna su
AnconaToday è in caricamento