Football, vittoria di umiltà e sacrificio

Parla Coach Polenta che esalta "la prestazione operaia dei ragazzi" abili a mettere da parte "i personalismi" per "vincere la partita tutti assieme"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Si sapeva che non sarebbe stata una passeggiata. Ed i fatti hanno dato ragione allo staff dei GLS Dolphins Ancona. Perché la under 19 ha sì vinto contro Sarzana, ma non senza qualche difficoltà. Per meglio analizzare la partita come sempre la parola va al coach dei ragazzi, Andrea Polenta. Coach un commento sulla partita. «Anzitutto siamo felici per questa vittoria e per la matematica conquista del primo posto nel girone. Ad oggi giocheremmo di sicuro in casa i quarti di finale. Niente non è. Per altri traguardi… un passo alla volta». Questi sono gli obiettivi ed il risultato finale. Sulla partita in se? «E’ stato un match combattuto, con molti chiaro scuri. Troppe le assenze per infortunio e all’ultimo Tommaso Bugatti ha visto un riacutizzarsi dei suoi malanni. Così lo abbiamo potuto utilizzare solo da quarterback e non anche da ricevitore e in difesa». Per una volta ci è sembrato che si sia preferito lanciare anziché correre «Con Bugatti limitato a fare il quarterback da tasca abbiamo preferito fare qualche lancio in più, sì. Inoltre Dovevamo sorprendere i Red Jackets inventandoci qualcosa di nuovo dato che per le corse erano molto preparati a fermarci. E’ stata una somma di fattori». Anche Sarzana ha avuto i suoi meriti insomma «Eh sì. Sono un’ottima squadra. Completa in attacco con ben quattro ricevitori pronti a rispondere alla chiamata del quarterback ed una difesa molto tosta e preparata. Complimenti a loro». Alla fine però si è vinto ed anche in alcuni momenti bui voi ed i ragazzi avete saputo trovare le forze per andare avanti e portare a casa la partita «Diciamo che si sono viste anche molte cose belle. Per le sbavature proveremo a correggerle agli allenamenti. Purtroppo causa gite scolastiche ed altro ribadisco che non siamo riusciti ad allenarci come avremmo voluto». Cosa le è piaciuto di più dei suoi ragazzi? «Il senso comune di sacrificio. Ognuno si è rimboccato le maniche, ha rinunciato ai propri protagonismi e si è messo al servizio degli altri compagni di squadra per raggiungere la quinta vittoria. Un conto è dirlo e un conto è farlo e loro lo hanno fatto. Siamo stati una squadra operaia e dalle difficoltà ne siamo usciti bene grazie ai ragazzi». Sabato primo dicembre la under 19 dei GLS Dolphins Ancona chiuderà la regular season a Bologna contro i Warriors. Orario di inizio le 19. (FOTO CLAUDIO BUGATTI) Ufficio Stampa Dolphins Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento