Futsal femminile, tra i pali del Città di Falconara c'è Lara Brugnoni

Umbra, 28 anni, nel 2016 ha vinto la Coppa Italia e sfiorato lo scudetto tra i pali dell'Isolotto Firenze. Il presidente Bramucci: «Tornerà ad alti livelli»

Lara Brugnoni con la maglia del CdF

Per difendere la porta del Città di Falconara arriva Lara Brugnoni. Ex Perugia, Isolotto Firenze (con la quale ha vinto la Coppa Italia 2016 e sfiorato lo scudetto 2015/2016) e, lo scorso anno con l'Atletico Foligno in serie C, la 28enne umbra ha accettato l'offerta del presidente Marco Bramucci che la stava cercando da qualche tempo per rinforzare la rosa delle Citizens in vista della Serie A 2017/2018. Soddisfatta la Brugnoni. «Lo scorso anno ho giocato in serie C per una scelta di vita - spiega - volevo concentrarmi sugli studi (Architettura a Firenze, ndr). Temevo di essere uscita dal giro della serie A e anche per questo ho molto apprezzato la chiamata del Falconara. Metterò il massimo impegno come ho sempre fatto da quando ho iniziato a giocare. Non vedo l'ora di cominciare questa nuova avventura con la consapevolezza che il girone unico sarà difficile: un gran numero di partite e squadre che si sono rinforzate tantissimo. Il presidente Bramucci mi ha messa subito a mio agio e mi ha dato l'idea di un ambiente molto tranquillo. A Falconara ci sono tutti gli ingredienti per fare bene e avrò anche la possibilità di terminare gli studi. Un esame, la tesi e il ritorno in serie A: per me, insomma, sarà un anno decisivo». 

Inizia a prendere forma la rosa delle Citizens, unica squadra marchigiana nel massimo campionato nazionale di calcio a 5 femminile. Mister Massimiliano Neri può già contare sulle confermate Luciani, Pascual e Arianna Costantini più gli arrivi di Lidu Alves e Scaloni. Ora anche la casella del portiere, dopo i saluti di Giusy Ceravolo, è coperta. «Lara ha fortissime motivazioni e tutte le capacità per tornare ad alti livelli - commenta il presidente Bramucci - benzina pura per una realtà come Falconara, a cui le circostanze non hanno mai proposto scorciatoie propizie. Ai tempi delle sfide con Perugia e Firenze era un'avvesaria molto apprezzata. Era in parola con una società di A2 che l'ha liberata dal vincolo morale dal quale altrimenti non si sarebbe sottratta. Mi fa piacere che esistano ancora club che facciano e vogliano il bene delle persone prima che puntare ai propri interessi sportivi. Me ne rallegro e ringrazio di cuore questa società». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Nell'auto una spesa per più di mille euro, polizia chiede e loro danno risposte diverse

  • Cade fuliggine dal cielo, residenti preoccupati: arriva l'Arpam per i controlli

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento