Per la Serie A occorrerà una prova d'orgoglio: il PalaBadiali si prepara a un match infuocato

Il Città di Falconara perde in Veneto e dovrà vincere con almeno due gol di scarto la gara di ritorno in casa. Mister Neri: «Il risultato resta aperto»

Marcella calcia il rigore del provvisorio 1-1

Inizia in salita la finale playout del Citta di Falconara, sconfitto in Veneto del Real Grisignano. Un 3-1 che tuttavia lascia i giochi aperti agli ultimi 40 infuocati minuti di questo campionato previsti per la gara di ritorno, domenica prossima al PalaBadiali. Con le ragazze di mister Neri chiamate a un'esame finale senza appello. Superarlo vale la permanenza in serie A che per altro, da quanto visto in campo ieri, avrebbero meritato entrambe le squadre. Falconara dovrà vincere con tre gol di scarto nei 40'. Con due gol di scarto si andrà ai supplementari al termine dei quali non sono previsti i rigori: passeranno le marchigiane per il miglior piazzamento al termine della regular season. 

Grisignano agguerrito

Venete agguerrite soprattutto nel primo tempo e Brugnoni costretta a intervenire in più di un'occasione. Al 12' su azione da fallo laterale è Iturriaga ad aprire le marcature. Tre minuti dopo è ancora la spagnola a rendersi pericolosa, sfruttando al volo un disimpegno corto della difesa: Brugnoni si distende e nega il 2-0. Nel finale Luciani ci prova dalla distanza con un bel diagonale, Miola devia in corner sulla sirena.

Tutto in 15 secondi

Nella ripresa il Falconara accorcia subito. Sevilla viene stesa in area, rigore: Marcella dal dischetto non sbaglia. L'avvio della ripresa è il momento migliore per le marchigiane che però trovano spesso sulla loro strada gli interventi di Miola, provvidenziale sulle conclusioni di Marcella, di Ferrara e di Luciani, graziata dall'imprecisione di Shai in contropiede con Marcella. A 5 minuti dalla fine, nel giro di 15 secondi, il Real assesta un uno-due micidiale con Prando. La numero 7 vicentina prima va di rasoiata bassa dalla distanza e poi di testa, anticipa Brugnoni e difensori, irrompendo su un cross dalla destra. Una sbandamento durato poco e costato davvero caro. Si riprende. Solo traversa per Marcella sulla palla non trattenuta da Miola su un tiro di Pascual. Sempre Miola devia in corner un tiro di Sevilla. Ancora la madrilena, sulla sirena, si fa murare dal portiere avversario.

Mister Neri: «In casa ce la metteremo tutta»

«Un risultato troppo pesante rispetto a quanto visto in campo – commenta mister Neri al termine – il Grisignano, in forma strepitosa, ha giocato molto bene nel primo tempo ma poi nel secondo siamo venuti fuori bene e potevamo anche andare in vantaggio. Alle mie ragazze faccio un grande applauso perché hanno dato tutto e solo qualche episodio ci ha penalizzato. Il risultato comunque resta ribaltabile e in casa ce la metteremo tutta. Ad ogni modo questo è un campionato anomalo: non era mai successo di giocare con sei retrocessioni, né di vedere squadre che vincono un playout doverne giocare un altro».

TABELLINO

Real Grisignano 3
Città di Falconara 1

Real Grisignano: Miola, Iturriaga, Prando, Turetta, Silva, Prosdocimi, Giacomazzi, Nicoli, Vajente, Rovira, Facino, Penello. All. Turcato.

Città di Falconara: Brugnoni, Pascual, Luciani, Marcella, Sevilla, Shai, Giuliani, Veroni, Ferrara, Bernotti. All. Neri.

Arbitri: Casu (Sassari) e Cammarano (Nichelino). Crono: Beggio (Padova).

Reti: 12'12'' p.t. Iturriaga (G), 0'25'' s.t. rig. Marcella (F), 15' Prando (G), 15'15'' Prando (G).

Note: ammonita Pascual (F).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Schianto in superstrada, camion invade la corsia di sorpasso e fa ribaltare un'auto

  • Schianto sulla Flaminia, coinvolta un'auto della finanza: feriti e traffico in tilt

Torna su
AnconaToday è in caricamento