Dalle Alpi alla punta dello Stivale, ecco il lungo cammino delle Citizens in Serie A

Ufficializzato il calendario 2017/18 del calcio a 5 femminile: 34 giornate con tre infrasettimanali. Mister Neri: «Non sarà semplice, dobbiamo impegnarci al massimo»

Massimiliano Neri, allenatore del Città di Falconara

La prima ufficiale a Milano, il 24 settembre, contro il Kick Off. Il debutto casalingo al PalaBadiali, domenica 1 ottobre, contro il Cagliari. La Divisione Nazionale Calcio a 5 ha ufficializzato il calendario della Seria A femminile, primo storico campionato a girone unico, e per il Città di Falconara si prospetta una stagione lunga e impegnativa. Ai nastri di partenza ci sono 17 squadre con trasferte in Veneto (contro Breganze, Thiene, Grisignano, Padova), Lombardia (Kick Off), Umbria (Ternana), Lazio (le campionesse d'Italia dell'Olimpus Roma più Lazio e Frosinone), Abruzzo (Pescara e Montesilvano), Puglia (Fasano, Statte e Margherita di Savoia), Calabria (Locri) e Sardegna (Cagliari). Sono previsti turni infrasettimanali l'11 ottobre, il 13 dicembre, il 21 febbraio e si giocherà anche in occasione di due festivi: il 1 novembre e il 25 aprile. Soste previste per il 31 dicembre e per l'11 marzo, in occasione delle Final Eight di Coppa Italia. Essendo dispari il numero delle partecipanti, le squadre osserveranno un turno di riposo: per il Città di Falconara le date sono il 7 gennaio (ultima di andata) e il 29 aprile al ritorno. Al termine del campionato le prime otto squadre accederanno ai playoff scudetto mentre saranno ben 6 le retrocessioni in A2. Dirette o con spareggi playout tra le restanti 9? La Divisione non ha ancora deciso la formula.

«Ci presenteremo ai nastri di partenza con una squadra completamente rinnovata – commenta mister Massimiliano Neri - Non sarà semplice essere pronti da subito e per questo credo che non sia molto importante guardare ora chi sarà l'avversario. Farlo significherebbe accumulare tensione, cosa di cui non abbiamo assolutamente bisogno. Il nostro unico obiettivo deve essere quello di dare tutto dal primo giorno di preparazione, lavorando sodo in ogni momento in cui saremo insieme, per crescere costantemente. Più saremo bravi e più bruceremo le tappe in modo tale da essere a un buon livello il prima possibile. In ogni caso l'idea di migliorarci non ci dovrà abbandonare mai, fino all'ultimo allenamento della stagione. Calendario alla mano, comunque, una cosa mi sembra subito evidente: il numero dispari delle partecipanti al campionato genera un turno di stop e il fatto che a noi tocchi riposare per ultimi è davvero una cosa che non fa piacere».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento