L'Ankon vola ai playoff nazionali, l'ASKL battuto 4-2

Ankon-ASKL termina con il trionfo biancorosso con il punteggio di 4-2 dopo una partita equilibrata e combattuta

Serata di gala al Palacus per la finale regionale play-off e l’Ankon per l’occasione veste il suo abito migliore: quello della concretezza, della solidità e della forza collettiva. Ankon-ASKL termina con il trionfo biancorosso con il punteggio di 4-2 dopo una partita equilibrata e combattuta. Questo anche grazie agli ospiti, una compagine giovane e atleticamente pronta, che hanno saputo onorare al meglio l’occasione nonostante le assenze pesanti di Felicetti e Paolini.

Nel fortino dorico la cornice di pubblico è quella delle grandi occasioni e l’Ankon non vuole deludere le aspettative. La prima frazione vede l’Ankon fare la partita tentando di scardinare l’arcigna difesa ascolana che però non lascia molte occasioni ai dorici e cerca di far male in ripartenza. La partita è ad alta intensità, la solita manovra biancorossa stenta a prendere ritmo. La partita è bloccata. La posta in palio è notevole. Dopo 20’ minuti la gara viene aperta, con un tap-in vincente da centro area, da Guido Campofredano ormai navigato nello sbloccare le marcature per i suoi. La gioia del vantaggio dura appena due minuti: Benigni dopo un’ottima triangolazione trova il pari per i suoi. La partita si apre e prima dell’intervallo ci sono numerose occasioni da una parte e dall’altra ma si va al riposo sull’1-1. Ad inizio ripresa subito una brutta batosta per l’Ankon che deve rinunciare al suo trascinatore Bilò, obbligato a lasciare il campo a causa di un infortunio muscolare. A questo punto i biancorossi con il loro capitano a guidarli dalla panchina, si caricano di responsabilità offrendo una grande prova di forza. A prenderli per mano ci pensa bomber Ciavattini che in appena quattro minuti sigla una fantastica tripletta. La prima rete appoggiando in porta da pochi passi. La seconda capitalizzando al meglio l’assist di Pinto (uno dei migliori dei suoi) partito dalla sua metà campo dopo aver sfoggiato il suo pezzo forte, l’anticipo secco.

E la terza di pregevole fattura: finta di calciare con il sinistro, rientro sul destro e palla nel sette. Nonostante il quinto di movimento gli ascolani non riescono ad andare oltre l’inutile rete del 4-2 di Procaccioli a 2’ dal termine. Da registrare l’ottima prova di De Tullio che ha fornito sempre sicurezza ai compagni e il buon impatto di Mancini sul match dopo l’infortunio di Bilò. Così può iniziare la festa dorica per questo altro grande traguardo raggiunto. E cosa più importante il sogno serie B è ancora intatto, infatti ora l’Ankon è attesa dalle fasi interregionali che potrebbero permettere ai biancorossi di raggiungere un traguardo che avrebbe dello storico per l’intera città di Ancona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Addio a Attilio Sciarrillo, titolare della farmacia di via Ascoli Piceno

Torna su
AnconaToday è in caricamento