Flag football a scuola, il Miur punta sul football per integrare

Studenti di prima media per apprendere le basi del football americano, una iniziativa promossa da Miur e Dolphins con il supporto del Comune

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Torna la Dolphins Experience. Domani, giovedì 4 aprile al Nelson Mandela, centinaia di adolescenti entreranno in contatto per la prima volta con il football americano ed in particolar modo con il flag football. L’iniziativa cambia però nome per stare al passo con i tempi e dare il giusto risalto alla partnership stretta con il Miur e fortemente voluta dalla coordinatrice provinciale per l’educazione fisica Paola Tedde, assumendo la denominazione di “Nessuno Escluso – Flag Football a scuola”. Attesi circa 300 ragazzi, maschi e femmine, rappresentanti dieci classi di prima media provenienti da tre istituti differenti, Scocchera, Ancona Nord e Margherita Hack. Appuntamento alle 8,15 al Mandela quindi, con il Pala Indoor messo a disposizione da parte dell’amministrazione comunale grazie all’assessore allo Sport Andrea Guidotti, qualora dovesse piovere, ed il campo Italo Conti ad ulteriore supporto se il Mandela risultasse insufficiente ad accogliere tutti. Come funzionerà dunque il progetto “Nessuno Escluso – Flag Football a scuola”? Ogni classe sarà impegnata in dieci prove differenti, individuate in dieci stazioni didattiche, ognuna delle quali servirà a testare e migliorare le qualità degli alunni in tutti i fondamentali del football: corsa, lancio, ricezione, calcio, punt, agilità varia, resistenza fisica e chi più ne ha più ne metta. Poi, dopo la pausa merenda naturalmente offerta, i ragazzi saranno divisi in squadre per poter giocare a Street Football. Alla fine premi, medaglie e attestati di presenza per tutti. Chi vorrà, potrà anche provare l’emozione di vestirsi per qualche minuto di casco e armatura. Ad istruire, accogliere e seguire i ragazzi l’intera famiglia Dolphins con oltre quaranta persone: Coach Roberto Rotelli e tutta la sua crew di assistenti, dirigenti, staff, il supervisor coach Rik Parker, i giocatori americani Nelson Hughes e Dylan Albertson, l’italo-anglo-brasiliano Andrew Bernardini e molti giocatori italiani riusciti a prendersi un giorno di ferie. Come se non bastasse, ad ulteriore supporto pratico e tecnico ci saranno anche i componenti dell’associazione di ex giocatori dei Dolphins, i Dolphins Veterans del presidente Carlo Casali, e diverse mogli e mamme di coach e giocatori. In caso di necessità sarà pronto ad intervenire lo staff medico dei Dolphins supportato dal personale della Pubblica Assistenza “La Misericordia”.

Alla musica come sempre “DJ W” Walter Burattini. Si ricorda che le tribune saranno aperte per genitori, professori e chiunque voglia assistere all’evento che sarà ripreso dalla società Sideline con tanto di telecamere e droni. «E’ molto importante per noi il concetto di nessuno escluso –spiega la dottoressa Paola Tedde- perché sottolinea l’aspetto inclusivo che lo sport scolastico deve avere, senza distinzioni di sesso o capacità, bravi o no. E infatti in ogni classe ognuno avrà un suo compito da svolgere, anche i meno portati a fare sport. Siamo davanti ad un evento pilota, al momento unico nel suo genere e per questo devo ringraziare il supporto completo che i Dolphins, ed in particolare Paolo Belvederesi, ci hanno fornito». E’ un autentico esperimento a più ampio raggio insomma «Assolutamente sì. Fa parte di un progetto per lo sviluppo della salute degli alunni che vede coinvolto oltre al Miur anche i Dolphins. La collaborazione tra L’Ufficio scolastico Regionale, le società e le federazioni dovrà essere sempre più fitta e costante per meglio promuovere la salute e lo sport nelle scuole marchigiane e per far si che le attività sportive che i ragazzi iniziano nelle scuole proseguano poi nel territorio». Tutto merito del Miur provinciale e dei Dolphins «Non solo. Va ringraziato l’assessore allo sport del comune di Ancona Andrea Guidotti sempre molto disponibile nel mettere a disposizione le strutture per questo tipo di iniziative, il mio analogo regionale Marco Petrini ed il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale Marco Ugo Filisetti, i presidi ed i professori delle scuole che hanno aderito e di quelle che magari aderiranno in futuro ad iniziative simili». Ultimo ma di sicuro non per importanza, i Dolphins tengono a ringraziare il main sponsor GLS per il sostegno dato a questa inziativa. L’occasione è buona per ricordare che il 18 maggio, sempre in collaborazione con il Miur, si terrà la GLS School Cup 3, valevole come campionato studentesco di flag football per scuole medie e superiori.

Antonio Bomba (Responsabile Comunicazione GLS Dolphins Ancona)

Torna su
AnconaToday è in caricamento