Fileni Bpa Brescia 73 - 83: Jesi KO fa volare il Brescia

La Fileni stecca, la tenacia e lo spirito di gruppo visto a Verona scompaiono con le urla di protesta gialloblù. Tra Jesi e Brescia decide l'ottima panchina ospite ed un arbitraggio controverso

Il fischio finale si nasconde tra le urla jesine.
Urla di rabbia e frustrazione, grida di chi si vede scippato e preso in giro, parole di chi sa che poteva andare diversamente.

Partiamo con calma. Nei primi minuti gli arancioblù provano a scappare via ma Brescia, sorniona, non molla un colpo e dà la sensazione di poter far male in qualsiasi momento.
Dopo un primo tempo dove i valori in campo si equivalgono , in cui Jesi  dopo il buon avvio , cerca con grinta di rimanere aggrappata al match, succede l’inverosimile.
Gli arbitri, già in affanno nella prima parte continuano infliggendo espulsioni e tecnici come se piovesse. Brescia non si fa pregare e trasforma 5 dei 6 tiri liberi dalla lunetta che la fanno schizzare sul + 11, vantaggio che Jesi, senza il miglior McConnel e con un Brooks al 4° fallo, non riesce più a ridimensionare.

Questa prima sconfitta stagionale , è intrisa di amarezza e senso di impotenza.
Jesi paga oltre i suoi demeriti certo, ma le 29 palle perse ed 15 rimbalzi offensivi concessi agli avversari sono sintomi inequivocabili che qualcosa non ha funzionato.
Bravissima Brescia; sì, facilitata da una maggior rotazione viste le assenze arancioblù, che riesce a bloccare il play McConnel limitandolo per tutto il match e condizionando la prova del quintetto jesino.

“E' impensabile giocare sempre con le mani addosso, hanno dato un tecnico perchè un mio collaboratore era in piedi per poi espellerne un altro. Posso dire che il gap tra noi e loro è stato creato a gioco fermo”
Il Coach Cioppi non le manda a dire ed a fine gara commenta così il finale tra Jesi e Brescia, troppo dura la strada per la Fileni dopo la sarabanda di tecnici e polemiche.

Riuscire a dimenticare quanto accaduto non sarà certo facile, Jesi si fa inebriare dal triste sapore della sconfitta rendendosi consapevole che con quest’organico decimato da infortuni e cali di forma, la strada che porta ai playoff può presentarsi troppo in salita.

 

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • Inferno in A14, colpa del cambio di carreggiata: 27enne in gravissime condizioni

  • Carambola da paura nella notte: 7 i coinvolti, due feriti gravi

  • Auto in fiamme in A14, il conducente muore carbonizzato

  • Sms di addio agli amici, poi esce di casa per buttarsi dal Passetto: salvato dai carabinieri

Torna su
AnconaToday è in caricamento