La Figc ha deciso, stop al calcio dilettantistico: l'Anconitana punta tutto sul ripescaggio

Riprenderanno solo i campionati professionistici di A, B e C: la società dorica si è affidata a un super esperto per tentare di salire in serie D

Foto di repertorio

Il calcio dilettantistico si ferma, mentre si proverà a portare a termine i campionati professionistici, con data ultima di chiusura delle competizioni fissata per il 20 agosto. E’ la decisione presa dalla Figc, dopo la riunione del Consiglio Federale di oggi. Dunque, i vertici del calcio hanno deliberato di concludere i tornei di serie A, B e C «in ossequio al principio del merito sportivo e in conformità alle disposizioni emanate dalla Fifa e dalla Uefa nelle scorse settimane, nonché a seguito della pubblicazione dell’art. 218 bis del Decreto Rilancio», definendo preventivamente il format e «i criteri di definizione delle competizioni» nel caso in cui ci si dovesse fermare di nuovo per un ritorno della pandemia.

Per quanto riguarda l’attività dilettantistica, invece, arriva lo stop definitivo, compresa quella femminile fino alla serie B. «Valutate le condizioni generali e l’eccezionale situazione determinatasi a causa dell’emergenza Covid-19 - recita il comunicato della Figc - il Consiglio ha deliberato di interrompere definitivamente tutte le competizioni, rinviando ad altra delibera i provvedimenti sugli esiti delle stesse competizioni». Dunque, cala il sipario (lo si sapeva da tempo, mancava solo l’ufficialità) anche sul campionato di Eccellenza marchigiano: le ultime 7 giornate non verranno disputate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i verdetti, bisognerà pazientare a lungo: l’inizio della stagione 2020/21, infatti, è stato fissato per il 1° settembre e per la composizione degli organici occorrerà attendere le decisioni a monte nelle categorie superiori. La certezza è che il Castelfidardo, primo in classifica dopo la 23^ giornata, salirà in serie D, mentre l’Anconitana, seconda dopo aver perso lo scontro diretto del 16 febbraio scorso, deve sperare nel ripescaggio: un’ipotesi tutt’altro che remota, vista la probabile moria di società calcistiche a causa della crisi da Covid. Per raggiungere l'obiettivo e tutelare i propri interessi, la società del presidente Stefano Marconi ha deciso di affidarsi all'avvocato napoletano Eduardo Chiacchio, uno dei massimi esperti in Diritto Sportivo, per cercare di salire in D. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • Addio Matteo, fortissimo guerriero: in lacrime per il giovane consulente

Torna su
AnconaToday è in caricamento