Falconara, c’è solo un capitano: Sofia Luciani resta in azzurro

Vessillo che continuerà a garrire al vento anche nella prossima stagione

Sofia Luciani in azione

Chi lo ha detto che le bandiere non esistono più? A Falconara ce n’è una con i falco sul cuore che sventola ben alta. È quella di Sofia Luciani, capitano delle Citizens. Vessillo che continuerà a garrire al vento anche nella prossima stagione dopo l’accordo tra la società di via dello Stadio e l’universale di Montegranaro, vera e propria trascinatrice delle ragazze di mister Neri nel campionato di Seria A femminile di calcio a 5. All’attivo 127 presenze e 72 reti, entrambi record nella storia della falchette, nei 5 anni trascorsi in azzurro. Indomita, giusto un anno fa, fu la prima a guidare il riscatto dichiarando, dopo la retrocessione, che sarebbe rimasta anche in A2.

Poi il ripescaggio e lo straordinario, storico campionato terminato in gara 3 dei quarti playoff. “Quello appena finito è stato il campionato del riscatto – dice - sicuramente abbiamo fatto un grandissimo girone di ritorno e raggiunto un ottimo risultato. Merito va al faticoso e costante lavoro di noi giocatrici, del mister e di tutta la società. Colgo innanzitutto l'occasione per ringraziare tutte le mie compagne di squadra, rivolgendo inoltre un grande in bocca al lupo per la prossima stagione a chi non farà più parte del nostro gruppo. Per quanto riguarda il prossimo anno, viste le premesse di mercato, con gli arrivi di Isa Pereira e Pato Dal'Maz, c’è da ben sperare. Sono due giocatrici di primissimo livello, segno che la società sta allestendo una squadra che deve puntare a risultati importanti. Cambiano le prospettive. Se fino a questo momento abbiamo giocato senza pressioni, ora ci sono delle aspettative da rispettare quindi il gioco si farà ancora più difficile. A livello personale mi aspetto sicuramente di crescere molto e non mi farò sfuggire l'occasione di imparare dalle grandi giocatrici che arriveranno e colmare le lacune che ho. Insomma, mi aspetto un anno di grande crescita”.

Dopo gli annunci dei sì di Pato Dal’Maz e Isa Pereira c’è grande entusiasmo nell’ambiente. E il fermento continua per un futsalmercato che riserverà ancora sorprese. “Alle nuove arrivate – parla il capitano - posso sicuramente trasmettere quello che è il mood del Città di Falconara: siamo sempre stati una squadra che non molla mai, che rinasce dalle difficoltà e che fa di esse un punto di forza per crescere e ripartire più forti di prima. Abbiamo un pubblico molto caloroso, che ci segue con passione e che cresce sempre di più. In questi anni credo che li abbiamo conquistati proprio con questo atteggiamento di sacrificio ed è quello che secondo me dobbiamo portare avanti, al di là di discorsi tecnici. Il CdF ha anche un bel settore giovanile. Alle più giovani ma anche a chi si affaccia per la prima volta a questo sport che prende sempre più piede, dico che occorre passione, sacrificio e voglia di imparare. Il calcio a 5 è voglia di mettersi in gioco ed è soprattutto divertimento. È condivisione ma non nel senso “social” che si dà oggi al termine. Parli di gruppo, di squadra che lavora insieme per raggiungere un obiettivo comune, un sogno”. 

Potrebbe interessarti

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • "Viagra naturale" e fonte di vitamine, ma il peperoncino può anche far male

  • Quando il freddo rovina il gusto: i cibi da tenere fuori dalla portata...del frigo

  • Via la puzza dai bidoni della spazzatura, prova con l'aceto: tutti i rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Perde il controllo dello scooter, poi lo scontro con l'auto: è morto

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • Cade dal tetto della sua azienda, Claudio ha lottato ma non ce l'ha fatta

  • Panico in città, crolla un solaio: soccorsi al lavoro per cercare persone sotto le macerie

  • Incrocio maledetto, il furgoncino la centra mentre passeggia: ragazza in ospedale

  • Risse tra bande e rapine, il locale deve chiudere: stavolta è uno chalet balneare

Torna su
AnconaToday è in caricamento