Basket, la Robur Osimo cade ad Ascoli

Adesso testa all'ultima sfida interna contro il Porto San Giorgio Basket, possibile avversaria nei prossimi play-out

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

I roburini vengono battuti per 72-59 dall'Ascoli Basket. La Robur non riesce a calare il poker. I roburini escono sconfitti per 72-59 in quel di Ascoli, anche se ancora possono sperare nella dodicesima piazza occupata dalla Vigor Matelica, battuta a domicilio dalla Pallacanestro Urbania. Uno stop che comunque non cancella quanto fatto di buono nell'ultimo periodo da parte dei ragazzi di coach Luconi, in crescita sotto diversi punti di vista. Adesso testa all'ultima sfida interna contro il Porto San Giorgio Basket, possibile avversaria nei prossimi play-out.

«Diversamente dalle precedenti, la scorsa è stata una settimana d'allenamento pessima - precisa coach Luconi - anche e soprattutto a causa di varie vicissitudini che non hanno permesso ai ragazzi di essere presenti con continuità. Ci siamo allenati un paio di volte a ranghi ridotti e questo sicuramente ha inciso sull'andamento del match specie nell'approccio iniziale quando, a differenza delle gare precedenti, abbiamo faticato molto nel trovare la via canestro nonostante i diversi tiri puliti fatti e ben costruiti. Alla ripresa del gioco siamo andati bene sia in difesa che in attacco recuperando lo svantaggio e portandoci avanti di 3 punti all'inizio dell'ultimo quarto quando, però, un improvviso blackout offensivo ha coinciso con un loro parziale che in breve tempo ha portato Ascoli ad avere un vantaggio in doppia cifra dal quale non siamo più riusciti a riprenderci. L'Ascoli, reduce anche dalla vittoria ottenuta ad Ancona la scorsa settimana, ha dimostrato di attraversare un momento molto positivo mettendo in mostra un giocatore come Pebole senza dubbio tra i più forti della categoria; noi, onestamente, non siamo riusciti a fronteggiarli al massimo per tutti i 40' di gioco giocando con evidente discontinuità. Comunque dobbiamo guardare avanti e pensare a presentarci al top della condizione tra due settimane quando scatteranno i playout dove, alla luce dei risultati di questo weekend, affronteremo una tra Porto San Giorgio e Recanati. Lavorare bene queste due settimane è assolutamente d'obbligo e necessario per essere pronti a non commettere leggerezze. Del resto, sfruttare i turni casalinghi è un vantaggio che ci siamo conquistati sul campo nelle ultime settimane e che vogliamo a tutti i costi mantenere. Vogliamo salvarci il prima possibile e chiudere questa stagione che è stata per molti aspetti davvero complicata anche alla luce dei tanti problemi logistici e delle vicissitudini che abbiamo dovuto affrontare. Quello che mi preme è richiamare i ragazzi dal punto di vista dell'umiltà, dello spirito di gruppo e dell'abnegazione verso i compagni; del resto, se vengono a mancare queste componenti fondamentali... è inutile pensare al concetto di sport di squadra perché da esse non si può mai prescindere. Capirlo è fondamentale - conclude l'allenatore roburino - per raggiungere i traguardi sperati».

ASCOLI BASKET - ROBUR OSIMO 73-59

ASCOLI: Mattei 6, Pebole 26, Milojevic 25, Lashley 6, Di Giorgio 7, Belardinelli 2, Galieni, Tse, McPherson, Ferranti ne, Cummings ne, Danieli ne. All Corradetti

OSIMO: Lupetti 7, Armento 3, Cardellini 6, Dominguez 11, Cardinali 3, David 2, Guisse 16, Redolf 7,Pierucci ne, Principi 2. All Luconi

Arbitri: Simone Antimiani di Montegranaro (FM) e Manuel Vescovi di Ancona

G.S. Robur Basket

Torna su
AnconaToday è in caricamento