Flop Anconitana, k.o. evitato al 92'. Ciampelli: «Le responsabilità sono mie»

Il tecnico dopo il 2-2 con l'Atletico Alma: «Chi gioca nell'Anconitana, ma anche chi l'allena, deve rendersi conto della maglia che indossa». Società delusa, ma nessun ribaltone

Davide Ciampelli, tecnico dell'Anconitana

Di buono, nel 2-2 strappato dall’Anconitana a Fossombrone con l’Atletico Alma, ci sono solo due cose: la sconfitta evitata in extremis grazie al quarto gol in campionato di Mansour e la classifica corta, dovuta alla frenata generale in vetta, circostanza che consente all’Anconitana di non perdere terreno dalla capolista (non più l’Atletico Gallo, ma l’Urbania). Poi c’è il rovescio della medaglia: una prestazione incolore - l’ennesima di questo avvio di stagione a singhiozzo -, un attacco che fatica a trovare la porta se non sfruttando episodi fortuiti o le invenzioni dei singoli e, cosa ancor più preoccupante, il gioco che latita. Da questo punto di vista l’involuzione è netta: dopo le prime due prove positive con Ubrania e SassoGenga, dal Grottammare in poi la squadra è andata peggiorando, non tanto per i 5 punti raccolti in 4 giornate, quanto per le difficoltà evidenziate da una squadra che ha perso progressivamente il controllo delle partite, senza riuscirle più ad indirizzare.

La partita 

Dopo la vittoria-batticuore con il Porto d’Ascoli, battuto in 10 uomini con una prestazione orgogliosa, società e tifosi si aspettavano un segnale di continuità che a Fossombrone non c’è stato. I dorici, passati in vantaggio al 6’ con Magnanelli, bravo ad approfittare di una svista di Bartoli, non hanno saputo gestire la situazione, complice l’errore di Micucci che 2 minuti dopo ha provocato il rigore (il terzo consecutivo subìto dai dorici) guadagnato e trasformato da Carsetti. L’Atletico Alma ha via via preso in mano le redini del gioco, fino a trovare al 26’ della ripresa il gol del 2-1 con una bordata di capitan Marongiu. Quando la vittoria per la squadra di Omiccioli sembrava fatta, ci ha pensato Mansour al 92’, di testa sul cross di Pierdomenico, a risparmiare una figuraccia ai biancorossi. 

L'analisi di Ciampelli

A fine gara, espressioni gravi sui volti dei dirigenti e dello staff dell’Anconitana. Il tecnico Davide Ciampelli non risparmia le critiche: «Abbiamo sbagliato qualcosa nella gestione di alcune situazioni che ci vedono ancora troppo ingenui e leggeri, dobbiamo capire alla svelta com’è questo campionato - ha commentato -. Affrontavamo una squadra che prende pochi gol, la difficoltà era sbloccare la partita, ci eravamo riusciti con una giocata individuale di Magnanelli, ma dovevamo fare meglio negli attimi successivi e invece abbiamo subito preso il rigore. Gli avversari hanno avuto un’anima diversa rispetto alla nostra». E qui Ciampelli si è assunto le responsabilità del momento-no. «Abbiamo preso un punto, sempre meglio che zero, ma in settimana durante gli allenamenti vedo cose diverse che mi aspetto di ritrovare in partita. Se non accade, la responsabilità è di chi propone certe idee e non riesce a convincere i giocatori fino in fondo. Ma chi gioca per l’Anconitana deve avere spalle larghe e personalità e rendersi conto della maglia che indossa. Chi gioca per l’Anconitana, e chi l’allena, deve dimostrarsi sempre pronto». Forte è la delusione della società, che si aspettava ben altra prestazione a Fossombrone, ma per ora non si prevedono ribaltoni, anche perché il presidente Stefano Marconi aveva manifestato apertamente fiducia nei confronti di Ciampelli e della squadra dopo il match con il Porto d’Ascoli. Certo è che, alla luce di questo inizio di campionato balbettante, intervenire sul mercato per rafforzare l’organico sarà indispensabile. 

Il tabellino del match: 

ATLETICO ALMA-ANCONITANA 2-2

ATLETICO ALMA (4-5-1): Pollini; Marongiu, Tiribocco, Bartoli, Gabbianelli; Urso, Zingaretti, De Angelis, Simoncelli (33’st Cremonini), Giunchetti; Carsetti (46’st Gambelli). All. Omiccioli.
ANCONITANA (4-4-2): Battistini; Micucci (28’st Bruna), Borghetti, Trombetta, Mercurio; Marzioni (28'st Cameruccio), Visciano, Magnanelli (21’st Pierdomenico), Mansour; Zaldua (6’st Giambuzzi), Ambrosini. All. Ciampelli.
ARBITRO: Nuzzo di Seregno. 
RETI: 6’ pt Magnanelli, 8’ pt Carsetti (rig.), 26’ st Marongiu, 47’ st Mansour.
NOTE: spettatori 700 circa. Ammoniti: Tiribocco, De Angelis, Carsetti, Borghetti, Magnanelli, Mansour, Visciano. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

Torna su
AnconaToday è in caricamento