Flop Anconitana, k.o. evitato al 92'. Ciampelli: «Le responsabilità sono mie»

Il tecnico dopo il 2-2 con l'Atletico Alma: «Chi gioca nell'Anconitana, ma anche chi l'allena, deve rendersi conto della maglia che indossa». Società delusa, ma nessun ribaltone

Davide Ciampelli, tecnico dell'Anconitana

Di buono, nel 2-2 strappato dall’Anconitana a Fossombrone con l’Atletico Alma, ci sono solo due cose: la sconfitta evitata in extremis grazie al quarto gol in campionato di Mansour e la classifica corta, dovuta alla frenata generale in vetta, circostanza che consente all’Anconitana di non perdere terreno dalla capolista (non più l’Atletico Gallo, ma l’Urbania). Poi c’è il rovescio della medaglia: una prestazione incolore - l’ennesima di questo avvio di stagione a singhiozzo -, un attacco che fatica a trovare la porta se non sfruttando episodi fortuiti o le invenzioni dei singoli e, cosa ancor più preoccupante, il gioco che latita. Da questo punto di vista l’involuzione è netta: dopo le prime due prove positive con Ubrania e SassoGenga, dal Grottammare in poi la squadra è andata peggiorando, non tanto per i 5 punti raccolti in 4 giornate, quanto per le difficoltà evidenziate da una squadra che ha perso progressivamente il controllo delle partite, senza riuscirle più ad indirizzare.

La partita 

Dopo la vittoria-batticuore con il Porto d’Ascoli, battuto in 10 uomini con una prestazione orgogliosa, società e tifosi si aspettavano un segnale di continuità che a Fossombrone non c’è stato. I dorici, passati in vantaggio al 6’ con Magnanelli, bravo ad approfittare di una svista di Bartoli, non hanno saputo gestire la situazione, complice l’errore di Micucci che 2 minuti dopo ha provocato il rigore (il terzo consecutivo subìto dai dorici) guadagnato e trasformato da Carsetti. L’Atletico Alma ha via via preso in mano le redini del gioco, fino a trovare al 26’ della ripresa il gol del 2-1 con una bordata di capitan Marongiu. Quando la vittoria per la squadra di Omiccioli sembrava fatta, ci ha pensato Mansour al 92’, di testa sul cross di Pierdomenico, a risparmiare una figuraccia ai biancorossi. 

L'analisi di Ciampelli

A fine gara, espressioni gravi sui volti dei dirigenti e dello staff dell’Anconitana. Il tecnico Davide Ciampelli non risparmia le critiche: «Abbiamo sbagliato qualcosa nella gestione di alcune situazioni che ci vedono ancora troppo ingenui e leggeri, dobbiamo capire alla svelta com’è questo campionato - ha commentato -. Affrontavamo una squadra che prende pochi gol, la difficoltà era sbloccare la partita, ci eravamo riusciti con una giocata individuale di Magnanelli, ma dovevamo fare meglio negli attimi successivi e invece abbiamo subito preso il rigore. Gli avversari hanno avuto un’anima diversa rispetto alla nostra». E qui Ciampelli si è assunto le responsabilità del momento-no. «Abbiamo preso un punto, sempre meglio che zero, ma in settimana durante gli allenamenti vedo cose diverse che mi aspetto di ritrovare in partita. Se non accade, la responsabilità è di chi propone certe idee e non riesce a convincere i giocatori fino in fondo. Ma chi gioca per l’Anconitana deve avere spalle larghe e personalità e rendersi conto della maglia che indossa. Chi gioca per l’Anconitana, e chi l’allena, deve dimostrarsi sempre pronto». Forte è la delusione della società, che si aspettava ben altra prestazione a Fossombrone, ma per ora non si prevedono ribaltoni, anche perché il presidente Stefano Marconi aveva manifestato apertamente fiducia nei confronti di Ciampelli e della squadra dopo il match con il Porto d’Ascoli. Certo è che, alla luce di questo inizio di campionato balbettante, intervenire sul mercato per rafforzare l’organico sarà indispensabile. 

Il tabellino del match: 

ATLETICO ALMA-ANCONITANA 2-2

ATLETICO ALMA (4-5-1): Pollini; Marongiu, Tiribocco, Bartoli, Gabbianelli; Urso, Zingaretti, De Angelis, Simoncelli (33’st Cremonini), Giunchetti; Carsetti (46’st Gambelli). All. Omiccioli.
ANCONITANA (4-4-2): Battistini; Micucci (28’st Bruna), Borghetti, Trombetta, Mercurio; Marzioni (28'st Cameruccio), Visciano, Magnanelli (21’st Pierdomenico), Mansour; Zaldua (6’st Giambuzzi), Ambrosini. All. Ciampelli.
ARBITRO: Nuzzo di Seregno. 
RETI: 6’ pt Magnanelli, 8’ pt Carsetti (rig.), 26’ st Marongiu, 47’ st Mansour.
NOTE: spettatori 700 circa. Ammoniti: Tiribocco, De Angelis, Carsetti, Borghetti, Magnanelli, Mansour, Visciano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento