Anconetano vince il Master di pesca in apnea a Palma di Maiorca

GIACOMO DE MOLA vince per il secondo anno consecutivo il Master di Palma di Maiorca.Nuovo successo internazionale nella pesca in apnea per l’atleta del KOMAROS SUB ANCONA

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

GIACOMO DE MOLA vince per il secondo anno consecutivo il Master di Palma di Maiorca. Nuovo successo internazionale nella pesca in apnea per l’atleta del KOMAROS SUB ANCONA Il Master di Palma di Maiorca è una delle più importanti gare internazionali della pesca in apnea ed è organizzata ogni anno dalla FEDAS (Federazione Spagnola Attività Subacquee). La gara si è svolta nel fine settimana con partenza dalla località Portixol nell’isola di Maiorca, la più grande dell’arcipelago delle Baleari. Il primo giorno si è svolto il Master individuale con la partecipazione dei più importanti campioni della pesca in apnea di tutta Europa. La seconda giornata si è svolta invece la gara a squadre dei marchi commerciali. Vincere il Master è un sogno per qualunque atleta, vincerlo addirittura per due volte consecutive è una conferma che solo i più grandi campioni possono vantare. La gara si svolgeva, in un campo gara ostico con poche rocce molto profonde ed una franata nel bassofondo molto sfruttata. Le condizioni per i giorni di preparazione sono state pessime quest’anno, molta pioggia, molto vento e, alla fine, una visibilità molto scarsa, quindi gli atleti non hanno avuto molto tempo per una buona preparazione. De Mola ha impostato la partenza della gara alla ricerca di una grossa cernia dorata, di oltre 5 kg, avvistata in preparazione, su un fondale di ben 38 metri di profondità con acqua torbida, cercando di arrivare prima del campione francese Aurellian Bouson anche lui un profondista. Fondamentale è stato l’ottimo lavoro dell’assistente Mirco Ominetti che al timone del mezzo ha condotto al millimetro l’atleta sulla verticale della pietra in mezzo alla sabbia. Catturata la preda al primo tuffo, sotto lo sguardo dell’avversario francese, si è spostato velocemente su altre rocce profondissime catturando una seconda e poi una terza cernia dorata. Quindi due murene, due gronchi, due scorfani ed in finale di gara un pesce San Pietro di 2,5 chili. Alla pesatura il carniere di De Mola risulterà vincente su tutti gli avversari. Lo hanno seguito in classifica gli spagnoli Miguel Angel Oliver, secondo, e Xavier Blanco, terzo. Il giorno successivo si è svolta la gara a squadre dei “Marchi Commerciali”, la squadra Pathos International composta da Giacomo De Mola ( per l’Italia), Oscar Lopez ( per la Spagna), Kosta Makris ( per la Grecia) e Mirco Ominetti ( capitano della squadra e istruttore di pesca in apnea del Kòmaros Sub Ancona ) si è aggiudicato il secondo posto con un carniere composto da tre cernie di cui una catturata da De Mola a ben 43 metri di profondità, un cefalo di 3,5 kg e 15 altri pesci. La vittoria a squadre è andata al team Pathos Baleari composto dagli atleti di casa ( Carlos Martorell - David Martorell- Juan Campin ). Giacomo De Mola, portacolori del Kòmaros Ancona, sarà la punta di diamante della nazionale italiana che disputerà quest’anno in Sardegna il campionato mondiale di pesca in apnea. Fabio Fiori Il Master di Palma di Maiorca è una delle più importanti gare internazionali della pesca in apnea ed è organizzata ogni anno dalla FEDAS (Federazione Spagnola Attività Subacquee). La gara si è svolta nel fine settimana con partenza dalla località Portixol nell’isola di Maiorca, la più grande dell’arcipelago delle Baleari. Il primo giorno si è svolto il Master individuale con la partecipazione dei più importanti campioni della pesca in apnea di tutta Europa. La seconda giornata si è svolta invece la gara a squadre dei marchi commerciali. Vincere il Master è un sogno per qualunque atleta, vincerlo addirittura per due volte consecutive è una conferma che solo i più grandi campioni possono vantare. La gara si svolgeva, in un campo gara ostico con poche rocce molto profonde ed una franata nel bassofondo molto sfruttata. Le condizioni per i giorni di preparazione sono state pessime quest’anno, molta pioggia, molto vento e, alla fine, una visibilità molto scarsa, quindi gli atleti non hanno avuto molto tempo per una buona preparazione. De Mola ha impostato la partenza della gara alla ricerca di una grossa cernia dorata, di oltre 5 kg, avvistata in preparazione, su un fondale di ben 38 metri di profondità con acqua torbida, cercando di arrivare prima del campione francese Aurellian Bouson anche lui un profondista. Fondamentale è stato l’ottimo lavoro dell’assistente Mirco Ominetti che al timone del mezzo ha condotto al millimetro l’atleta sulla verticale della pietra in mezzo alla sabbia. Catturata la preda al primo tuffo, sotto lo sguardo dell’avversario francese, si è spostato velocemente su altre rocce profondissime catturando una seconda e poi una terza cernia dorata. Quindi due murene, due gronchi, due scorfani ed in finale di gara un pesce San Pietro di 2,5 chili. Alla pesatura il carniere di De Mola risulterà vincente su tutti gli avversari. Lo hanno seguito in classifica gli spagnoli Miguel Angel Oliver, secondo, e Xavier Blanco, terzo. Il giorno successivo si è svolta la gara a squadre dei “Marchi Commerciali”, la squadra Pathos International composta da Giacomo De Mola ( per l’Italia), Oscar Lopez ( per la Spagna), Kosta Makris ( per la Grecia) e Mirco Ominetti ( capitano della squadra e istruttore di pesca in apnea del Kòmaros Sub Ancona ) si è aggiudicato il secondo posto con un carniere composto da tre cernie di cui una catturata da De Mola a ben 43 metri di profondità, un cefalo di 3,5 kg e 15 altri pesci. La vittoria a squadre è andata al team Pathos Baleari composto dagli atleti di casa ( Carlos Martorell - David Martorell- Juan Campin ). Giacomo De Mola, portacolori del Kòmaros Ancona, sarà la punta di diamante della nazionale italiana che disputerà quest’anno in Sardegna il campionato mondiale di pesca in apnea. Fabio Fiori

Torna su
AnconaToday è in caricamento