Il “Rio' della fettina”, perché si chiama così? Dalle macellerie all'indirizzo sulla cartolina

Le origini del nomignolo usato ancora oggi per indicare il quartiere centrale di Ancona. Dalle macellerie alla...cartolina

Foto Instagram @chistianvirgillito

Un tempo solo i ricchi mangiavano la carne, ecco allora che il quartiere dove vivevano gli anconetani più abbienti ha preso questo simpatico appellativo. Il “rio' della fettina” si è sempre chiamato così nell'immaginario popolare e corrisponde grossomodo alla zona del quartiere Adriatico. Il soprannome del quartiere è utilizzato ancora oggi per indicare la parte considerata più “in” del capoluogo marchigiano. 

Secondo la tradizione il soprannome deriva anche da episodi più specifici. Pare infatti che i ricchi si recassero in macelleria chiedendo le «solite fettine tagliate fine», rigorosamente a voce alta, da acquistare per soddisfare il palato del gattino. Era insomma un modo per ostentare il proprio benessere. Nel portale “ancondorica.net” è citato anche un episodio singolare: una cartolina scovata tra le bancarelle dei mercatini di Genova dove l’indirizzo del destinatario era testualmente: “Viale della Vittoria – Rione della Fettina – Ancona”. Insomma, più di un semplice modo di dire. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento